Prima svaligia un appartamento, poi la Polizia lo "pesca" a casa ancora con la refurtiva. Arrestato pregiudicato

Il 25enne bitontino è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari

Stampa l'articolo

Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha tratto in arresto Mattia Giuseppe, pregiudicato classe 92, colto nella flagranza del reato di furto in abitazione.

In particolare gli Agenti del Commissariato di Bitonto sono intervenuti in via Dante, nel centro cittadino, ove era stato segnalato un furto appena consumato presso un’abitazione.

Gli Agenti sul posto apprendevano dalla povera vittima che un malfattore, approfittando di un momento di distrazione, era riuscito ad intrufolarsi nella privata abitazione riuscendo ad asportare una valigetta contenente documenti ed altri valori, di particolare interesse per la persona offesa.

I Poliziotti iniziavano immediatamente delle intense attività d’indagine che permettevano d’ipotizzare che l’odierno arrestato fosse l’autore del reato. Di fatto, scattate le ricerche il giovane veniva individuato presso la propria residenza ancora con parte della refurtiva trafugata, di cui cercava invano di disfarsi, lanciandola dal balcone, alla vista degli Agenti.

Immediatamente bloccato, attese le evidenti responsabilità, M.G. veniva tratto in arresto e posto a disposizione del’Autorità Giudiziaria, venendo sottoposto al regime degli arresti domiciliari.