DaBitonto - Una finestra su Bitonto

Home » Cronaca

daBitonto

Cimitero. In arrivo un (primo) censimento per gestire la difficile questione loculi

Il lavoro verrà effettuato dal Servizio demografico, e tutti i numeri raccolti verranno inseriti in una apposita Banca dati

commenti Stampa l'articolo

Una Banca dati per gestire e comprendere nel migliore dei modi la (difficile) questione delle sepolture nel cimitero di Bitonto. Ma anche per affrontare meglio l'annoso e spinoso problema della mancanza di spazi disponibili per essere seppelliti.

È l'idea del Servizio Demografico di Palazzo Gentile, che ha deciso di realizzare un primo censimento dei loculi comunali, nonché di inserire poi le informazioni in una Banca dati digitali. Per una spesa di poco meno di 10mila euro.

Il ragionamento che arriva dal responsabile del Servizio, Angelica Milillo, è semplice.

Allo stato attuale non esiste alcuna rilevazione, cartacea o informatica che sia, “che consenta di gestire in maniera analitica le sepolture presenti nel Cimitero del Centro Urbano e che permetta la ottimale gestione degli spazi disponibili attraverso l’individuazione dei singoli rapporti concessori, della loro durata e dei rispettivi titolari”. E la questione è ancora più grave perché c'è da far fronte all'attuale “mancanza di loculi disponibili che potrebbe essere risolta attraverso il recupero delle sepolture - come si legge nella determina dirigenziale - per le quali risulta scaduta la concessione o per le quali sia attivabile la procedura di decadenza, rilevabili attraverso un’analitica attività censuaria”.

Ecco, allora, la necessità di censire almeno 2mila sepolture attraverso svariate attività, quali il rilevamento e disegno dell’area interessata al censimento; dei corpi di fabbrica, identificazione degli stessi con nomi univoci e classificazione di ciascun corpo di fabbrica; rilevamento fotografico delle lapidi esistenti, per ricavare i dati relativi ai defunti e l’eventuale presenza di collegamento alla rete di alimentazione elettrica con lampada votiva accesa; memorizzazione dei dati relativi alla composizione dei corpi di fabbrica rilevati e dei dati raccolti relativi ai defunti, evidenziando gli eventuali loculi risultanti vuoti.

Tutti i numeri raccolti, poi, saranno inseriti in un apposito database, fondamentale per gestire in modo tabellare e grafico le aree cimiteriali.

Per realizzare il censimento, vista la mancanza di apposite figure professionali nella pianta organica del Comune, Palazzo Gentile si affiderà ai servizi forniti dalla ditta barese CSIPA srl.

Commenti

← torna indietro
Ascolta la radio!

in MP3

in WMA