Torna "Not(t)e di musica" e l'amministrazione comunale chiama a raccolta gli esercenti

L'appuntamento è per mercoledì 18 luglio. C'è tempo fino a venerdì, invece, per presentare domanda

È stata una delle primissime iniziative che la prima amministrazione targata Michele Abbaticchio ha intrapreso nella sua politica di occupazione e di riappropriazione degli spazi sottraendoli alla criminalità.

Adesso è pronta a tornare. È “Not(t)e di musica”, che rifà capolino nell'estate bitontina con l'appuntamento di mercoledì 18 luglio.

 

 

Per l'occasione, allora, da Palazzo Gentile hanno chiamato a raccolta tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande quali pub, bar,ristoranti e pizzerie con regolare licenza del Comune di Bitonto, e che hanno uno spazio esterno idoneo per ospitare eventi di musica dal vivo con un apposito Avviso Pubblico disponibile da ieri l'altro sul sito www.comune.bitonto.ba.it.

C'è tempo fino a venerdì alle 12 per presentare l'apposita domanda di partecipazione.

Saranno ammesse – fanno sapere da corso Vittorio Emanuele - solo le proposte che prevedono musica dal vivo. Saranno esclusi gli eventi che prevedono dj set, basi musicali, danze e altri tipi di performance. In caso di proposte simili o identiche (in particolare in caso di cover band) sarà data priorità in base all’ordine di arrivo delle stesse. Sarà data priorità alle proposte fatte da reti di locali pubblici. Nonché quelle che favoriscono la rete e la collaborazione tra locali pubblici viciniori, e abbiano un impatto sostenibile sul piano del traffico e di pedonalizzazione delle strade.

 

 

La formula è sempre la stessa: il Comune si farà carico dell’organizzazione generale e del coordinamento, della comunicazione e della promozione, della pedonalizzazione delle strade cittadine interessate dagli eventi, del servizio di controllo del traffico, del servizio di pubblica sicurezza, del pagamento dei diritti SIAE dei concerti musicali. Gli organizzatori, invece, dovranno occuparsi di tutto il resto: le spese del gruppo musicale e della eventuale strumentazione necessaria alla produzione dell’evento, l’allestimento dell’area, la compilazione della SCIA (denuncia di inizio attività), la comunicazione alla Polizia di Stato che deve essere fatta almeno 48 ore prima dell’evento.