DaBitonto - Una finestra su Bitonto

Home » Rubriche » Le radici per volare

daBitonto

L'arte del morire

Morire non è mai stata una scelta, ma sicuramente è l’unica cosa certa che ci accadrà

commenti Stampa l'articolo

Morire non è mai stata una scelta, ma sicuramente è l’unica cosa certa che ci accadrà.

Potremo grattarci ovunque, toccare ferro e tutti i metalli o portafortuna, comunque sia lei è sempre presente nella nostra Vita. Lei esiste dal momento in cui nasciamo e grazie a lei abbiamo la possibilità di dare valore ai nostri istanti, perché in qualsiasi momento tutto può finire…o almeno finire in questo corpo.

Questo mese desidero soffermarmi sulla morte, e avendo lavorato per molti anni in Hospice a Bitonto mi sono resa conto di quanto sia un tabù, una parola da nominare MAI nella nostra società.

Ed io mi sono sempre chiesta il perché? Morire fa male a chi? Quanto rifiutiamo il dolore tanto da evitare ogni contatto anche labiale?

Ho accompagnato molte persone nell’ultimo stadio della loro Vita, professionalmente come consulente di tecniche corporee, e davvero poche hanno usufruito degli strumenti di cui disponevo, della vicinanza che potevo offrire attraverso un percorso di riarmonizzazione, riappacificazione corporea, emozionale, mentale e spirituale dove spirituale non intende assolutamente qualcosa di religioso, ma all’ innalzamento verso una verticalità, verso ciò che è essenziale, verso il nostro Dio interiore, verso la sacralità che contattiamo, verso la consapevolezza.

Ci sono tecniche scientifiche ed energetiche che sto portando e tramandando perché questo passaggio da Vita ad altra Vita sia riconosciuto e onorato; è un momento così fondamentale per una persona, e non solo, per tutto il sistema che è intorno alla persona; c’è il bisogno di fare i conti con ciò che ha fatto, con ciò che manca e con le emozioni presenti (angoscia, paura, rabbia…). Ha bisogno di persone di riferimento con cui poter fare questo, persone di riferimento con cui poter salutare familiari, amici, persone care, nemici.

Le persone che muoiono lasciano un vuoto, uno SPAZIO vuoto, e il dolore affiora perché siamo attaccati alla materia. E' il nostro essere umani, e posso asserire per esperienza personale e di studi fatti che tutto ciò può essere trasformato, usato per crescere e migliorarci. Ci sono professionisti specializzati per questo, sicuramente non suggerisco tutti gli operatori e i familiari che evitano di far passare attraverso il dolore, piuttosto è essenziale elaborarlo, ognuno con i propri tempi e con delicatezza, con la persona giusta. Il tempo non lenisce il dolore, lo dilaziona, ma non per questo tutto passa da solo se non con coscienza.

La morte è nostra amica, ci ricorda di vivere, ci accompagna in ogni passaggio per tutte le volte in cui in una stessa Vita rinasciamo per diventare persone migliori, ci ricorda di abbracciarci più spesso, ci avvicina, ci fa crescere, ci fa morire.

Farci aiutare ad accoglierla nella nostra Vita credo ci dia la possibilità di cogliere ciò che la frenesia fa dimenticare.

A noi la scelta.

 

← torna indietro
Ascolta la radio!

in MP3

in WMA