DaBitonto - Una finestra su Bitonto

Home » Rubriche » Le radici per volare

daBitonto

Lo yin e lo yang: il femminile e il maschile che portiamo dentro

Due lati di una stessa medaglia

commenti Stampa l'articolo

Come proposto la scorsa volta mi soffermo sulla concezione olistica che richiama tutti a portare attenzione e a sviluppare la dualità che risiede in ognuno di noi per poter essere interi, integri.

Il significato originale di YIN è “la zona d’ombra di una collina” mentre di YANG “il lato soleggiato”. E’ come quando si parla dei due lati di una stessa medaglia.

Lo YIN viene associato all’ energia femminile, ai concetti di oscurità, alla freddezza, al riposo, alla tranquillità, viceversa lo YANG all’energia maschile, alla luce, al calore, all’attività, al movimento.

La teoria YIN-YANG si basa sulla costruzione filosofica di due polarità complementari e come queste due forze interagiscano.

Perché suggerisco di “sviluppare” queste parti che sono dentro di noi?

Lo Yin e lo Yang sono parti imprescindibili della vita di ognuno di noi, sono le due metà complementari di cui è formata ogni caratteristica fisica e non. Contrari e anche complementari.

Per quel che concerne il nostro corpo lo Yang lo riscontriamo nel retro, nel dorso, quindi la schiena, ed è energia difensiva; lo Yin, invece, sulla fronte, sul torace, sull’addome, all’interno, ed è energia nutritiva.

Da questa semplice teoria si sono sviluppate molte discipline più o meno conosciute in tutto il mondo, capaci di essere d’aiuto a milioni di persone: lo shiatsu, l’agopuntura, la kinesiologia, la riflessologia plantare, i massaggi e tante altre. Ognuna di queste parte dall’analisi dello yin e dello yang per riportare il corpo verso un nuovo equilibrio fisiologico (ed energetico).

Siamo esseri completi nella misura in cui riusciamo a far crescere entrambe le parti, il lato destro che corrisponde al maschile ed il lato sinistro che corrisponde al femminile, ossia la parte che ci offre protezione, che ci aiuta a manifestare i nostri bisogni, e quella che ci fa riconoscere ed accettare le nostre esigenze, che ci fa prendere cura di noi. Naturalmente ogni persona, in base alla sessualità e ad altri fattori, sviluppa maggiormente una delle due.

Ebbene tutto questo per concludere con un messaggio che ritengo essenziale perché si possa vivere una esistenza nel benessere, in salute e armonia:

Prendersi cura di se stessi, di ogni parte che portiamo dentro di noi e che altro non sono che quello che sin da piccini abbiamo immagazzinato tramite la nostra esperienza con i nostri genitori, è cosa buona e giusta, perché vivere nel piacere non è un peccato come ci hanno voluto far credere per tenere a bada le nostre pulsioni, ma è un dovere verso il grande spirito, che ognuno chiama come preferisce, che ci ha donato la vita.

Commenti

← torna indietro
Ascolta la radio!

in MP3

in WMA