15 milioni nei prossimi 2 anni per l’agglomerato industriale Bitonto-Giovinazzo

Il CdA del Consorzio ASI vara il Programma triennale dei lavori 2014/2016

Stampa l'articolo

15 milioni di euro nei prossimi 2 anni. A tanto ammonta l’impegno assunto per l’agglomerato industriale Bitonto-Giovinazzo dal Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale (ASI) di Bari.

Il Consiglio di Amministrazione dell’ente, infatti, nella riunione del 14 ottobre ha varato il Programma triennale dei lavori per il triennio 2014/2016.

All’agglomerato Bitonto-Giovinazzo sono stati assegnati per il 2014 8 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture primarie: 4 sono destinati al lato Bitonto (1° stralcio funzionale), altrettanti al lato Giovinazzo (2° stralcio funzionale). Nel 2015 il finanziamento per i due interventi è di 7 milioni di euro, equamente distribuiti. Alle opere in questione il CdA dell’ASI ha attribuito la massima priorità.

In totale il Programma triennale approvato comprende 38 interventi per un finanziamento complessivo di 112,6 milioni circa.

Entro il 31 ottobre prossimo il Programma sarà sottoposto all’esame dell’Assemblea dei Soci.

Alla seduta del CdA per il Comune di Bitonto ha partecipato l’assessore alla programmazione economica Michele Daucelli, che si dichiara soddisfatto per l’investimento deliberato “primo passo concreto per l’infrastrutturazione dell’agglomerato Bitonto-Giovinazzo, area di espansione obbligata per l’Area Industriale barese, essendo l’unica ad offrire spazi disponibili per l’insediamento di nuove industrie”.

Per il Sindaco di Bitonto si tratta di “un investimento atteso da decenni”.

“Sin dai primi giorni del mio insediamento – spiega Michele Abbaticchio - avevo rimarcato la necessità di un segnale importante in tale direzione da parte dell’ASI, per dare un senso alla partecipazione del nostro Comune al Consorzio. In occasione della mia prima partecipazione all’Assemblea dei Soci, infatti, ho pubblicamente minacciato il recesso dal Consorzio di Bitonto, in assenza di concreti investimenti per il nostro agglomerato per troppo tempo dimenticato”.