A Bitonto le scuole riaprono il 28 settembre. Il sindaco ha accolto la richiesta dei dirigenti

In arrivo 1300 banchi singoli e 400 armadietti. Gli istituti saranno accuratamente sanificati dopo le operazioni di voto

Stampa l'articolo

Le scuole primarie bitontine apriranno il 28 settembre 2020, quattro giorni in ritardo rispetto all’apertura fissata dall’Ufficio Scolastico Regionale. La decisione è stata comunicata ieri sera dal sindaco Michele Abbaticchio, durante una diretta social.

Il primo cittadino avrebbe accolto una richiesta giunta dai dirigenti scolastici di tutti i comprensivi che hanno espresso la volontà di cominciare in maniera posticipata per consentire i lavori di pulizia straordinaria delle scuole. Infatti, come sappiamo, il 20 e 21 settembre prossimi – in occasione delle elezioni regionali e del referendum – le aule saranno impegnate per lo svolgimento del voto.

A causa dell’emergenza covid, e del “risicato tempo che intercorre tra la fine delle operazioni di scrutinio del voto e l’inizio dell’anno scolastico”, i dirigenti hanno evidenziato che sarebbe stato “difficile assicurare una adeguata ed indispensabile sanificazione approfondita degli ambienti che saranno interessati dal passaggio di tante persone, ivi compreso lo stazionamento delle forze dell’ordine per le quali è prevista la continua presenza notturna”.

A questo si aggiunge la “mancanza dei banchi non ancora consegnati”. Infatti, il sindaco ieri ha comunicato l’acquisto di 1300 nuovi banchi e 400 nuovi armadietti per le scuole che ne hanno fatto richiesta.