A proposito dell'anniversario della firma della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Ha ispirato i Governi ad adottare nuove leggi e stanziare nuovi fondi per aumentare l’accesso dei bambini ai servizi e godere dei propri diritti

Stampa l'articolo
DI FRANCESCO RUTIGLIANO La Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, approvata all’unanimità dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo e in 31 anni è stata determinante nel migliorare la vita dei bambini, bambine e adolescenti. Ha ispirato i Governi ad adottare nuove leggi e stanziare nuovi fondi per aumentare l’accesso dei bambini ai servizi e godere dei propri diritti. Ha contribuito, inoltre, a cambiare la percezione sull’infanzia e l’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo. Il 20 novembre ricorre il XXXI anniversario dall’approvazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. È fondamentale quindi poter rendere questo giorno un momento unico in cui i bambini e ragazzi possano davvero essere i protagonisti. In preparazione di questa giornata, seppur in modalità virtuale, in rispetto delle prescrizioni di contenimento del contagio previste per l’emergenza sanitaria da COVID 19, sono previste delle attività di advocacy e sensibilizzazione a disposizione di tutte le istituzioni scolastiche, nell’ambito delle azioni previste dal protocollo d’intesa sottoscritto dal Ministero dell’Istruzione e UNCEF Italia.