Accordo commerciale con la Cina. I produttori bitontini incontrano la delegazione cinese

Gli interessati possono incontrare oggi gli imprenditori cinesi, per chiarimenti in merito al progetto di collaborazione

Stampa l'articolo
Una delegazione di imprenditori cinesi, guidata da Zhang Changxiao, è in visita, in questi giorni a Bitonto, per incontrare i produttori nostrani e avviare un gemellaggio istituzionale e commerciale con le città di Qindgao e Gaomi, due città, ubicate sulla costa orientale, nella provincia dello Shandong, vicine tra loro e non distanti sia dalla capitale Pechino che dal Giappone e dalla Corea. Qindgao, in particolare è dotata di un importante porto commerciale, tra i più grandi in Cina. E’ anche famosa per essere sede di aziende del settore dell’elettronica e per aver ospitato alcuni eventi legati alle Olimpiadi 2008.

L’idea è nata grazie al cantautore Francesco Baccini, esibitosi a Capodanno a Bitonto e protagonista, nello scorso anno, di un tour in Cina. Sarebbe stato lui, infatti, a mettere in contatto il Comune di Bitonto con gli imprenditori cinesi.
L’obiettivo è di avviare il progetto “Strade italiane”, ovvero gallerie commerciali dedicate alla promozione e vendita di prodotti italiani nella Repubblica Popolare Cinese.

Il senso di questo incontro è la creazione di opportunità per le nostre imprese, attraverso scambi commerciali e culturali e promozione del turismo” introduce il sindaco Michele Abbaticchio, presente, insieme all’assessore Michele Daucelli e a diversi produttori bitontini, all’incontro tenutosi ieri a Palazzo Gentile: “In un periodo di crisi come questo, sentiamo la necessità di essere più vicini ai nostri imprenditori, attraverso incontri mirati. E’ questo il significato dei gemellaggi istituzionali avviati con la Cina e con il Giappone. Questa amministrazione pensa alla cultura come qualcosa di produttivo, come dimostra l’esperienza di Cortili Aperti, che ha portato a Bitonto il 350% di turisti in più”.

L’intenzione è di avviare una collaborazione tra Bitonto e le città cinesi di Qindgao e Gaomi, per portare nel nostro Paese la qualità dei prodotti italiani e per far conoscere la nostra cultura, attivando sinergie culturale e artistico” spiega l'imprenditore orientale Sean White, riferendo dell’interesse mostrato dai cinesi verso il nostro olio d’oliva, “sconosciuto fino a cinque anni fa e oggi rinomato per le qualità benefiche”.

Non è la prima volta che avviamo collaborazione con imprese straniere – aggiunge White – Abbiamo già accordi con industrie tedesche e francesi. Anche esse hanno delle vie dedicate ai prodotti del proprio Paese. Siamo anche interessati all’apertura di filiali. Le nostre leggi prevedono agevolazioni per l’import-export. Naturalmente abbiamo interesse anche ad esportare i nostri prodotti qui in Italia”.

Ma l’obiettivo della collaborazione non è solamente lo scambio commerciale. Gli ospiti cinesi, infatti, illustrano la volontà di avviare scambi enogastronomici, favorendo l’apertura di ristoranti italiani, culturali e turistici: “Qindgao e Gaomi sono famose per i loro festival dedicati alla cultura e alle tradizioni locali. A Qindgao, inoltre, si svolge anche un celebre festival internazionale dedicato alla tradizionale birra prodotta in loco, la birra Tsingtao. Saremmo lieti di portare i nostri festival qui in Italia e di ospitare in Cina i vostri. Siamo interessati, ad esempio, alla collaborazione tra voi e il Giappone nell’ambito del Traetta Opera Festival. Potremmo portarlo anche da noi”.
Dalla delegazione cinese, dunque, l’invito a visitare le due città orientali nel mese di settembre, per incontrare imprenditori e istituzioni locali in modo da avviare la collaborazione.
Gli imprenditori interessati possono incontrare oggi, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19, la delegazione cinese per qualsiasi delucidazione sul progetto.