Allarme criminalità nelle campagne del Nord Barese, Sicolo: "Emergenza sociale da risolvere subito"

Diversi i casi segnalati negli ultimi giorni. Particolarmente colpito il Comune di Bitonto

Stampa l'articolo
Alberi tagliati, intere coltivazioni incendiate, continui furti di olive e mezzi agricoli e, adesso, anche rapine a mano armata.
Non si ferma l’escalation criminale che sta minando il lavoro quotidiano degli agricoltori nelle campagne del Nord Barese.

L’ultimo episodio, lo scorso fine settimana, a Bitonto (Bari), il comune più colpito da questa emergenza, dove un agricoltore si è visto sottrarre l’auto e circa 700 euro dopo un’aggressione subita da quattro balordi armati di pistole e coltelli.

Gennaro Sicolo, Presidente di Oliveti Terra di Bari, non ci sta: “I nostri agricoltori non riescono più ad andare avanti e sono stanchi di rischiare anche la vita per i furti, le rapine, e i vili attacchi che si susseguono con cadenza giornaliera”.

“Siamo di fronte ad una vera emergenza sociale a cui bisogna assolutamente porre rimedio nel più breve tempo possibile
– insiste il Presidente Sicolo -. Chiedo, pertanto, l’intervento della Procura della Repubblica di Bari, del Prefetto di Bari, di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e di tutte le istituzioni preposte alla sicurezza del territorio affinché vengano finalmente trovate misure adatte a contrastare questa illegalità dilagante”.

“Invito inoltre il Sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, a convocare sin da subito un tavolo per la sicurezza del territorio dove si stanno registrando, in particolare, gli episodi più efferati”
, conclude Gennaro Sicolo.