Boom di entrate dalle contravvenzioni. Il Comune ha già pronta la lista della spesa: tra semafori, segnaletica e acquisto di un Suv per la Protezione civile

L'incasso preventivo dovrebbe essere di 500mila euro, grazie al targa system e Autovelox

 

Le lista delle cose da fare è lunga. Si va dagli interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade per arrivare all’acquisto di un Suv, passando per la realizzazione di corsi didattici e formazione mobilità sostenibile e l’assistenza e previdenza per il personale di polizia locale. Tutto con la metà dei soldi che il Comune pensa di incassare nell’anno in corso dalle multe, controlli vari e contravvenzioni effettuate dai vigili urbani.

 

 

Tutto parte dal Codice della strada, allora. E più precisamente dall’articolo 208 del decreto legislativo n°285 del 1992. Che al comma 4 stabilisce che “una quota pari al 50 per cento dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni previste dal Codice della strada spettanti ai Comuni è destinata a interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade; potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni; ad altre finalità, come il miglioramento della sicurezza stradale”.

Da Palazzo Gentile, allora, tenendo presente questo principio, hanno agito di conseguenza e, nel Bilancio di previsione approvato a fine marzo e che adesso attende il semaforo verde dal Consiglio comunale, hanno già stabilito cosa fare dagli incassi (presunti) del 2019.

La previsione, infatti, è che fino a dicembre, grazie al targa system in dotazione e dell’Autovelox a nolo, si pensa/spera di incassare ben 500mila euro, e quindi di utilizzarne la metà, 250mila euro, per alcuni interventi tutt’altro che superficiali.

E licenziati dalla Giunta qualche giorno fa. E così ripartiti. Verrà staccato un assegno da 125mila euro per intervenire sulla segnaletica (55mila euro) e sugli impianti semaforici (ben 70mila euro saranno impegnati).

L’altra metà sarà impegnata per Corsi didattici e formazione mobilità sostenibile con adesione alle manifestazioni relative (40mila euro stanziati negli appositi capitoli), Assistenza e previdenza per il personale di polizia locale (impegno di spesa di 40mila euro) e, addirittura, l’acquisto di un Suv 4x4 sempre dal costo di 40mila euro, che sarà utilizzato dalla Protezione civile.