Centro Tecnologico interprovinciale del Politecnico in zona PIP. Ok definitivo dalla Regione

Il Nucleo di Valutazione Verifica degli Investimenti Pubblici (NVVIP) ha espresso nella seduta del 21 maggio il prescritto parere positivo al termine di un articolato iter

Stampa l'articolo

Per il Centro Tecnologico di Ricerca Interprovinciale del Politecnico di Bari nella zona artigianale di Bitonto arriva la notizia della positiva conclusione dell’analisi di congruità del finanziamento regionale assegnato (2,841 milioni di euro dell’Azione 6.2.1 del P.O. Fesr 2007-2013).

Il Nucleo di Valutazione Verifica degli Investimenti Pubblici (NVVIP), chiamato dalla Regione Puglia ad esprimersi sulla congruità e la ragionevolezza del contributo richiesto, nonché alla verifica approfondita della sostenibilità economica del progetto, ha infatti espresso nella seduta del 21 maggio il prescritto parere positivo al termine di un articolato iter.

Il progetto originario dell’ottobre 2009 era stato ritenuto ammissibile a maggio 2010 con la prescrizione di una rimodulazione degli importi e degli interventi previsti, ma era rimasto fuori dalla prima lista di beneficiari di fondi stilata dalla Regione nell’agosto 2010. Successivamente a maggio 2011 il progetto è rientrato nell’elenco delle proposte finanziabili. A fine 2011 la Regione ha quindi richiesto la rimodulazione della proposta progettuale e la presentazione degli elementi utili per le necessarie valutazioni del NVVIP. La nuova versione del progetto e dello studio di fattibilità, redatta anche con il contributo della società di consulenza Progetti Grandi Opere di Bari incaricata a gennaio 2012 (D.D. n. 1 del 5 gennaio 12) del supporto tecnico-amministrativo agli uffici comunali, è stato presentato il 9 luglio 2012. Da quel momento sono stati necessari una serie di incontri tecnici e integrazioni documentali, che si sono prolungati sino a metà maggio 2013.

Il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio si dichiara soddisfatto per la prospettiva di definizione del finanziamento, che consentirà la realizzazione nella zona PIP del Centro tecnologico di valenza interprovinciale del Politecnico, dove tecnici e ricercatori potranno testare, validare e certificare tecniche e materiali antincendio: “Il nostro operato ha scongiurato l’ipotesi di una revoca del finanziamento, che sarebbe intervenuta se non fossimo stati in grado di rispondere alle richieste di modifica avanzate dal NVVIP”.

“Le perplessità avanzate dal Nucleo di Valutazione – spiega l’assessore al Suap Michele Daucelli -vertevano sulla presunta dicotomia tra la descrizione dell'intervento proposto e lo sviluppo dell'analisi finanziaria dello stesso. Incongruenza legata al fatto che lo stesso intervento doveva essere rimodulato in base agli stralci che aveva subito in precedenza per conto della stessa Regione, riguardanti nello specifico la rete a metano e la mensa inizialmente prevista nel centro tecnologico”.

Dal prof. Piero Masini, Direttore del CRISMA (Centro Ricerca Ingegneria Della Sicurezza e Materiali Antincendio) del Politecnico, partner progettuale del Comune di Bitonto, il riconoscimento del “fondamentale supporto dell'Amministrazione Comunale nella persona in primis del Sindaco dott. Michele Abbaticchio, che ha rappresentato la figura chiave dell'intero iter progettuale fin dalla sua partenza, quando, ricoprendo il ruolo di Dirigente dell'Ufficio SUAP, con lungimiranza intravide la possibilità di inserire nell'azione 6.2.1. la realizzazione di un Centro di valenza interprovinciale del Politecnico di Bari, con specificità nell'ambito della prevenzione incendi, sfruttando la disponibilità del CRISMA e delle professionalità bitontine che vi operano, come l’ing. Luigi Pappalettera”.

“Inoltre – si legge in una nota inviata nei giorni scorsi da Masini ad Abbaticchio - è doveroso ricordare l'impegno e l'aiuto decisivi, forniti in tutte le fasi del procedimento, rispettivamente, del dott. Michele Daucelli, assessore alle Attività produttive, dell'ing. Luigi Puzziferri e della dott.ssa Pazienza, funzionari dell'Ufficio Lavori Pubblici, sempre pronti ad accompagnare il Politecnico nel tortuoso percorso che ha condotto all'approvazione, soprattutto nell'ultima fase, nonchè degli ex assessori dell’Amministrazione Valla, Antonio Labianca e Vitantonio Labianca, il cui contributo è risultato decisivo nella prima parte del progetto”.

 

"Lo stesso Nucleo di Valutazione – sottolinea il sindaco Abbaticchio – ha riconosciuto la valenza strategica del Centro tecnologico interprovinciale, che nasce quale struttura unica nel territorio regionale e meridionale in grado di soddisfare una significativa domanda di servizi in materia di ricerca e certificazione di prodotti e sistemi antincendio. Una volta creato il Centro deve riempirsi di contenuti e risultati concreti per i nostri giovani e l'occupazione in genere, fungendo da catalizzatore di corsi di eccellenza universitari, nonchè di brevetti tecnologici da applicare a settori tradizionalmente forti come la nostra agricoltura, innovando e producendo risultati imprenditoriali accattivanti da collocare sul libero mercato".