Controlli, indagini e arresti. Tutta l'attività ferragostana della Polizia ferroviaria

I servizi istituzionali sono stati intensificati con l’impiego di 101 pattuglie nelle stazioni e 31 a bordo treno

Stampa l'articolo

Nel bilancio della Polizia Ferroviaria c’è anche l’arresto di un sessantenne barese arrestato per violenza sessuale dagli agenti, perché aveva molestato una turista koreana, palpeggiandola e tentando di baciarla.  

In tutto sono quattromila le persone controllate (di cui 600 pregiudicati), tre gli arresti, sei gli indagati e quattro quelle segnalate all’Autorità Giudiziaria per il possesso di 15 grammi di hashish: è il bilancio dei controlli fatti dai poliziotti della PolFer in tutte le stazioni pugliesi durante la settimana di Ferragosto.

Centouno le pattuglie a bordo di ben 31 treni e 51 i convogli scortati – soprattutto a lunga percorrenza della tratta Lecce – Bologna. Sono stati nove i servizi antiborseggio in borghese per contrastare i furti e due gli stranieri risultati irregolari nel territorio nazionale. A Foggia è stato arrestato un pregiudicato barese perché aveva rubato una borsa (contenente soldi, documenti e gioielli) ad una passeggera del Frecciarossa Milano – Bari. Gli altri due arresti hanno riguardato due rumeni: uno accompagnato in carcere perché era stato indagato per furto aggravato di una borsa a Capaccio (in provincia di Salerno), mentre l’altro era stato condannato dal Tribunale di Foggia per tentato omicidio ed era rientrato illegalmente in Italia, nonostante fosse stato allontanato nel 2014 con un divieto.