Creazione e sviluppo di imprese: il Gal Nuovo Fior d'Olivi torna a presentare misure a favore del territorio

Punteggi più alti per giovani imprenditori e donne e per chi fa rete con le imprese agricole, con enti di promozione turistica ed enti pubblici

Stampa l'articolo

Sembrava un’occasione ormai sfumata, ma dopo tre anni tornano i bandi Pal 2014-2020 della Regione Puglia inseriti nel piano di sviluppo territoriale.

Ieri il Gal Nuovo Fior d’Olivi, ha presentato la misura 19.2 che si pone come obiettivo quello di favorire uno sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile, rafforzando una rinnovata offerta integrata di esperienze culturali promossa dalle imprese e dalla intera comunità locale. È stata presentata anche la misura 19.3, sulla cooperazione: sono stati presenti, infatti, sei Gal provenienti da Romania e Bulgaria, non solo per promuovere e rafforzare l’attività turistica, ma anche al fine di creare una partnership e uno scambio di buone pratiche per la valorizzazione dei territori che si andrà a sviluppare, per la Puglia, nei paesi balcanici.

«Nella scorsa programmazione – ha detto il presidente Antonio Saracinoci sono stati circa 9 milioni di investimenti e siamo stati credibili e affidabili. In questi due anni di stand-by, nel nostro Gal ci sono stati tanti nuovi ingressi: assieme a Bitonto, Terlizzi e Giovinazzo, ci sono anche Grumo Appula, Palo del Colle, Binetto e Modugno. Rispetto al passato avremo una dotazione finanziaria inferiore, ma riusciremo ad ottenere ottimi risultati a favore di un territorio che vuole diventare più competitivo».

«Bitonto ha delle potenzialità enormi, come anche gli altri Gal – ha sottolineato il sindaco, Michele Abbaticchio -. Avere aree verdi curate, un turismo che si migliora anche nel nostro territorio rurale, significa dare più valore alla nostra città che si spinge fino ai confini di Altamura e dare maggior controllo alle campagne - per esempio con l'istallazione di videocamere di sorveglianza e fototrappole - viste le sempre poche risorse di uomini delle forze dell’ordine».

Il bando, come ha spiegato il rappresentante di misura Antonio Tempesta, ha avuto uno «scatto di maturità, elevando quelli che sono i servizi turistici che ci sono nelle strutture, facendo rete con le imprese agricole, gli enti di promozione turistica e con gli enti pubblici. I punteggi saranno dati in base ai titolari dell’impresa (se donne e giovani), alla qualità del business plan, all’innovazione, alla localizzazione, alla certificazione di qualità, ai partenariati e alla coerenza del curriculum».

 Per ogni informazione i referenti del Gal aspettano gli interessati dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12, nella sede in piazza Cavour, 14 a Terlizzi. Potete trovare tutte le informazioni anche sul sito: https://www.galnuovofiordolivi.it/