Dall'altare al carcere. In manette, a poche ore dalle nozze, il presunto rifornitore di droga del clan Cipriano

Il 42enne di Cassano delle Murge aveva organizzato domenica sera una serenata per la sua amata. Fuochi d'artificio e un cantante neomelodico alla festa, documentata su Tik Tok

Stampa l'articolo

Dall’altare al carcere. Ottavio Di Cillo, 42enne di Cassano delle Murge (Ba), è tra le 25 persone arrestate ieri mattina dai carabinieri, durante l’operazione “Porta Robustina”, che ha sgominato il clan Cipriano a Bitonto.

L’uomo, che avrebbe dovuto sposarsi ieri, domenica sera, per la serenata che precede le nozze, ha festeggiato con fuochi d’artificio, la presenza di un cantante neomelodico e numerosi invitati.

Il tutto è stato registrato in alcuni video, pubblicati anche su TikTok, che sono stati acquisiti dagli investigatori.

Di Cillo, ritenuto in affari con il clan mafioso Parisi di Bari, sarebbe il presunto fornitore di droga del clan Cipriano di Bitonto. In particolare, fungeva da canale di rifornimento per la cocaina nella nostra città e a Palo del Colle.