Due settimane di "porta a porta". Toscano: "Bilancio decisamente positivo"

L'amministratore unico SANB: "Stiamo assistendo a un momento di straordinaria cooperazione civica dei bitontini. Disagi e lamentele sono fisiologici"

Stampa l'articolo
Da Sanb Bitonto riceviamo e pubblichiamo:
 
 
UN PRIMO BILANCIO A DUE SETTIMANE
Decisamente positivo!
Stiamo assistendo a un momento di straordinaria cooperazione civica dei bitontini, che si sono calati in queste nuove abitudini con grande impegno e per larga parte  anche con entusiasmo e non soltanto come qualcosa che si deve fare per forza. E i risultati si vedono già perché a pochi giorni dall'avvio e nonostante i cassonetti stradali mantenuti fino a quattro giorni fa ho già potuto rilevare una impennata delle percentuali di raccolta differenziata superiore alle attese. 
È  il segno che la raccolta porta a porta ha dato una risposta lungamente attesa ad una sensibilità diffusa nei bitontini per l'ambiente e per una città che prendesse a respirare senza piu quei cassonetti a fare da stoccaggio di rifiuti indifferenziati spesso scaricatici da fuori città.
 
 
PERÒ CI SONO ANCHE DISAGI E LAMENTELE
Non vi sono disagi o lamentele che non siano fisiologici. È normale per qualsiasi cambiamento che investa le abitudini quotidiane.
Il buon senso sta nel distinguere tra  lamentele e invettive "a prescindere" e i segnali di miglioramenti e adattamenti possibili.
Per le prime non ci possiamo far nulla anche perché spesso debordano nel parossismo e nella caccia sulle streghe, come quella di chi due giorni fa ha postato la foto di un ignaro divano in una via centrale suscitando una serie di critiche alle conseguenze del porta a porta salvo poi a scoprire che la foto era stata scattata, spero inconsapevolmente,  durante le operazioni di un trasloco!
Per le altre critiche invece diciamo: assestiamoci, miglioriamo il sistema dei ritiri via via che gli operatori assumono dimestichezza con ogni anfratto stradale (cosa che sta avvenendo giorno dopo giorno), ok per maggiori cestini stradali per le deiezioni canine in particolare che si aggiungeranno a quelli esistenti già tra qualche giorno, e per tutto il resto avvieremo verifiche adeguate anche a mezzo confronti e sondaggi con il territorio per ogni adattamento che dovesse condividersi come ragionevole o opportuno. Come ho sempre detto, il sistema è tarato già su altre esperienze simili a Bitonto ma è flessibile e perfettibile
 
 
E PER GLI ABBANDONI?
Gli abbandoni irregolari non sono aumentati rispetto a prima. La differenza è che non ci sono più i cassonetti a cui facevamo istintivamente meno caso quando venivano presi d'assalto dagli abusivi come zona franca per ogni tipo di lascito. Oggi, senza i cassonetti, gli abbandoni grandi e piccoli (pensiamo alla odiosa pratica di  gettare sacchetti a ridosso dei carrellati) fanno più impressione ed è bene che sia così perché dobbiamo contrastare tutti insieme queste cattive abitudini come qualcosa di intollerabile, non a caso le ho definite deformazioni comportamentali e mentali che i bitontini non vogliono più.  
Ci vorrà tempo perché sono come l'erba infestante che va estirpata punto per punto e in profondità, ma la disponibilità dei cittadini a segnalare, ad aiutare i nostri ispettori ambientali nelle quotidiane attività di controllo e informazione ci incoraggia. Si sta formando un grande occhio collettivo contro i conferimenti irregolari. Grazie anche per questo ai bitontini, segno di una grande maturità 
 
CI SI LAMENTA DEI TROPPI CARRELLATI IN GIRO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE.
Piu che di numero, è una questione di posizionamento. Su questo le critiche hanno ragione. Ci sono delle regole, vanno tenuti all'interno e, dove proprio non possibile, nelle immediate adiacenze dell'ingresso, non giù al marciapiede se non in casi eccezionali da autorizzarsi.  Si stanno facendo controlli anche con la polizia municipale e la situazione sta già migliorando
 
 
LA GENTE LAMENTA LA DIFFICOLTÀ DI INTERLOQUIRE CON SANB
Ne abbiamo preso atto e abbiamo rimediato. Era accaduto che rispetto si plurimi canali di comunicazione che avevamo allestito, lo stesso utente e per la stessa segnalazione li utilizzasse tutti. Questo ha rallentato molto la capacità di rispondere  tempestivamente. Da qualche giorno abbiamo messo a disposizione un altro call center con più postazioni in diretto e costante collegamento con gli uffici tecnici e 
soprattutto abbiamo diversificato i canali di comunicazione a seconda del tipo di esigenza.  Sul sito e sulla pagina fb di sanb si trova tutto
 
E PER LA PLASTICA ... PENSATE DI AUMENTARE LE PRESE SETTIMANALI COME RICHIEDONO DIVERSI CITTADINI
No. La richiesta è comprensibile perché tutti noi subiamo sistemi di vendita molto legati ancora alla plastica. Ma il porta a porta e la buona differenziata si fa anche per ridurre la produzione di rifiuti in plastica. E funziona come provano i dati della generalità delle città dove la plastica viene raccolta una volta a settimana o anche ad intervalli più lunghi. Certo ci vuole anche qui un po di tempo ma vedrete che schiacciare bottiglie e recipienti in genere (a breve anche un nostro tutorial per questo) e scelte mirate verso acquisti plastic free diventerà naturale e allora sarà stato ciascuno di noi a contribuire a dettare la linea ai produttori commerciali
 
LA GENTE POTRA ATTENDERSI VANTAGGI PER LA TARI
In prospettiva si. Perché se faremo bene la differenziata ci saranno maggiori rimborsi dai consorzi per  riciclo  e il Comune potrà mettere mano al sistema di tariffazione puntuale, per cui i nostri mastelli e carrellati sono già dotati delle strumentazioni occorrenti (e prossimamente anche i sacchetti).
 
COME STANNO REAGENDO GLI OPERATORI
Con grande spirito di servizio e sacrificio.  Hanno compreso l'importanza storica di questo cambiamento e si sono calati nella parte senza se e senza ma, dai più anziani agli ultimi arrivati. Con loro parlo quotidianamente ed è una cosa che mi viene naturale anche per il lavoro che svolgo. Li ringrazio come ringrazio i loro dirigenti sindacali coi quali sono in costante contatto e di cui riconosco la lucidità nel capire il momento e le priorità.  Agli operatori stiamo dando e daremo mezzi nuovi per svolgere in maniera più efficiente il loro lavoro, grazie anche alle buone performance economiche di sanb in suesti suoi primi due anni di vita
Bravi, anzi bravissimi, i bitontini e gli operatori per questa giusta partenza! Continuiamo così.