Ecotassa: Anci Puglia ribadisce richiesta rinvio a 2015

Bisogna consentire a Comuni e Regione di arrivare insieme a individuare un livello di costi standard del servizio complessivo nella regione

Stampa l'articolo

Anci Puglia ribadisce alla Regione la richiesta di proroga dell’entrata in vigore dell’ecotassa al prossimo gennaio 2015.

Esiste un evidente e reale problema di chiusura del ciclo rifiuti in Puglia, il mancato  raggiungimento degli obbiettivi di raccolta differenziata è un problema grave che Comuni e Regione devono affrontare e risolvere insieme, prendendosi le proprie responsabilità, ma senza ulteriori aggravi di costi per i cittadini.

Dal confronto tra i Comuni pugliesi dello scorso 7 ottobre è emersa chiara la posizione dei sindaci per una proroga del tributo, in attesa del completamento della dotazione impiantistica regionale, in considerazione del recente riordino della governance del settore rifiuti (L.R. sui servizi pubblici locali 20 agosto 2012) e del ritardo nell’approvazione delPiano Regionale Gestione Rifiuti Urbani (16 ottobre 2013).

La proposta Anci è quella di rinvio dell’ecotassa al gennaio 2015 e di previsione di un meccanismo di gradualità per premiare i comuni virtuosi, dando allo stesso tempo possibilità di allinearsi a quelli in ritardo sul fronte della raccolta differenziata. Inoltre, resta fondamentale il completamento degli impianti sul territorio e il rafforzamento della proprietà pubblica degli stessi, anche per consentire a Comuni e Regione, di arrivare insieme a individuare un livello di costi standard del servizio complessivo nella regione.