Emiliano: "C'è mancanza di mascherine e ventilatori polmonari"

L'Asclepios del Policlinico di Bari totalmente attrezzato alla terapia intensiva. Ci si aspetta 2000 contagi

Stampa l'articolo

Il governatore pugliese Michele Emiliano lancia l’allarme sui dispositivi di protezione di medici e infermieri e dei ventilatori polmonari, che mancano negli ospedali e rischiano di aggravare l’epidemia. E chiede al neo commissario straordinario del Governo, Domenico Arcuri di provvedere «con urgenza», senza rimpalli di competenze. Il fronte dell’epidemia si sta spostando a Sud. “Temo la mancanza di mascherine, occhiali e tute per salvare il personale sanitario, ma soprattutto di 225 ventilatori polmonari che mancano”, ha dichiarato Emiliano sulle colonne de La Stampa di Torino. “La fornitura di questi materiali – ha continuato il governatore – è riservata esclusivamente al governo attraverso la Protezione civile e il commissario Arcuri: è lui che deve procurare a tutta l’Italia questi materiali con grande urgenza”. A disposizione della Puglia ci sono nove strutture sanitarie – sei pubbliche, due case di cura e un ente ecclesiastico –con 32 unità di terapia intensiva, ma lo scenario riguarderebbe 2000 contagiati con una esigenza di 200 posti letto di terapia intensiva dedicati e circa mille dell’area medica. Sono 1800 attualmente i posti letto totali previsti. “Al momento – sottolinea Emiliano - sono circa 20 mila le persone in quarantena obbligatoria che graveranno sul sistema sanitario pugliese e determineranno contagi che avremmo potuto evitare con gli ultimi esodi dal Nord”.

Intanto, all’esterno del Policlinico di Bari sono stati attivati i termoscanner per misurare la temperatura corporea di dipendenti, pazienti e visitatori all’ingresso pedonale di piazza Giulio Cesare. Lo strumento tecnologico, sostituisce i termometri digitali: in caso di febbre il computer lancia un allarme sonoro e nei reparti non si entra. Il monitoraggio nei reparti, invece, avviene dalla control room allestita all’interno della direzione generale, attrezzata per i video collegamenti con i medici in corsia.  Sempre al Policlinico già dalle scorse ore è cominciato l’allestimento nel padiglione Asclepios, riservato esclusivamente all’emergenza Covid-19, attrezzato con posti letto di terapia intensiva. A lasciare l’edificio per un trasferimento sono state le unità operative complesse di Medicina Riabilitativa e Urologia.