Festa della Madonna di Loreto, splendido concerto canoro con docenti e alunni dell'I.C. “Modugno-Rutigliano-Rogadeo”

Nell’atrio giardino del Santissimo Sacramento gremitissimo di gente che ha previsto un ricco repertorio di canti, danze coreografiche e poesie mariane noti alla tradizione cristiana bitontina, italiana ed europea

Stampa l'articolo

Nel nutrito programma liturgico alla Madonna di Loreto incentrato sulla tematica “Maria e la sfida del camminare insieme”, ricorre il 26esimo anniversario del trasferimento dell’immagine sacra della Vergine Lauretana dalla chiesa di San Pietro in Vincoli (centro storico) l’allora rettore don Vincenzo Mundo e il parroco del tempo della chiesa del Santissimo Sacramento don Gaetano Coviello, che accolse per la prima volta il 5 maggio 1996 l’effige della Madonna con l’imprimatur dell’allora arcivescovo di Bari-Bitonto mons. Mariano Magrassi. Nell'ambito degli eventi culturali mariani si è svolto ieri 10 maggio nell’atrio del giardino della parrocchia riccamente illuminata dalle luminarie e gremitissima di gente, il concerto canoro mariano, che è stato promosso dal dirigente scolastico prof. Michele Bonasia su istanza del prof. Giuseppe Cannito referente istituzionale scuola-chiesa con il beneplacito di don Donato De Felice parroco del Santissimo Sacramento, con il patrocinio dell’arciconfraternita Immacolata Concezione, Patrona di Bitonto, presidente il dott. Francesco Cannito. I protagonisti del concerto sono stati i docenti e gli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale “Modugno-Rutigliano-Rogadeo” di Bitonto, il vicario episcopale territoriale don Giovanni Giusto ha portato i saluti dell’arcivescovo di Bari-Bitonto mons. Giuseppe Satriano che ha condiviso con gioia la manifestazione mariana. Le performances del concerto si è articolato in un ricco repertorio di canti, musiche e danze moderne intervallate da recite di poesie mariane in diverse lingue: italiano, inglese, francese e dialettale bitontino. Il coro è stato diretto magistralmente dalla prof.ssa Elena Perrone accompagnata con maestria dai docenti di educazione musicale, determinante è stata l’esecuzione vocale con l’esibizione di due soprani che hanno cantato “Ave Verum” di Mozart e “Ave Maria” di Bach-Gounod, per rendere omaggio alla Vergine Lauretana, celeste patrona dell’aeronautica militare italiana. Il coro di “Santa Cecilia” è composto da quasi cento alunni delle classi quarte della scuola primaria “G. Modugno” e del “Plesso Crocifisso” con i solisti della scuola secondaria di primo grado preparati con dedizione dai docenti, che hanno intonato melodicamente i canti mariani noti alla tradizione cristiana. Nell’esibizione del concerto il pubblico festoso non ha risparmiato fragorosi e lunghi applausi, il dirigente scolastico ha ringraziato il vicario episcopale territoriale, il parroco per l’ospitalità, le autorità presenti per la loro distinta partecipazione, i docenti che si sono prodigati professionalmente e con competenza nella bella riuscita del concerto, le famiglie coinvolte a rafforzare l’azione educativa, ma soprattutto gli alunni per il loro grande impegno e talento, per aver messo in campo una bella manifestazione canora mariana, che ha toccato in profondità le corde del cuore del pubblico presente.