Feste patronali sporcate dalla delinquenza. Il "da BITONTO" chiede all'Immacolata un nuovo miracolo

Tanti i contenuti nel numero di maggio, da oggi in edicola

Stampa l'articolo

Da un lato le luci, gli appuntamenti religiosi e culturali in onore della Madonna Immacolata, dall’altro i colpi di pistola, le rapine…

Anche la Festa Patronale 2016, quel connubio di identità e memoria, è riuscita ad essere sporcata dalla criminalità che tiene in scacco la nostra città bisognosa di un miracolo.

È il direttore Mario Sicolo a richiederlo alla nostra patrona nella lettera-editoriale che apre il nuovo numero del “da BITONTO”, da oggi in edicola. Nelle pagine centrali ancora spazio alle feste in onore della Madonna Immacolata tra successi e polemiche.

Ma i contenuti del mensile di maggio non si limitano allo speciale.

La pagina di CRONACA di Pasquale Scivittaro si apre con il ricordo dell’ex sindaco Girolamo Larovere per poi analizzare la situazione dei fruttivendoli abusivi.

La POLITICA bitontina, settore di Nicolangelo Biscardi, già si prepara alle amministrative 2017 con manovre silenziose e nuove liste civiche, ma l’appuntamento alle urne più prossimo è quello del referendum costituzionale, a cui Bitonto cerca di non farsi trovare impreparata. E a proposito di referendum, si viaggia nel tempo, analizzando i risultati bitontini di monarchia-repubblica di 70 anni fa.

Dall’assessore Fioriello, infine, novità sulla ricezione della normativa statale sulle unioni civili.

Nella sezione TERRITORIO di Viviana Minervini spazio allo short master per la produzione olearia e all’applicazione creata per segnalare i rifiuti abbandonati. Attenzione poi alla storia del giovane talento bitontino Mario Intini, Vehicle Engineer della nuova “Giulia” dell’Alfa Romeo e al laboratorio di falegnameria e tappezzeria offerto ai giovani dalle cooperative sociali “Michelangelo” ed “Eughenia”.

Non mancano le eccellenze anche nel fronte scuola con l’ITE “Vitale Giordano”, che con “Aldo Moro: la mia voce oltre il muro” vince il primo premio nella rassegna nazionale di teatro-scolastico “Speranza Giovani-Maria Boccardi”, e le vittorie a Corato, Napoli e Roma dei cori dell’I.C. “Cassano – de Renzio”. È lo stesso istituto ad aver dedicato un’aula didattica all’educatore e innovatore Michele Lapenna.

Il settore CULTURA E TRADIZIONI di Loredana Schiraldi, invece, si apre con il successo della quarta edizione di Cortili Aperti e di alcuni eventi correlati: “Di maghi, cavalieri e altre follie d’amore io canto” del Traetta Opera Festival e “Donne in trincea” del comitato “Bitonto onora i caduti” e del Centro Ricerche Storia e Arte Bitonto. Spazio poi al teatro con “Spectra” della Okiko The Drama Company e “Petappe”, commedia in vernacolo de “La Nuova Compagnia”.

Le FRAZIONI, pagina di Carmela Moretti, soffrono per la problematica degli allagamenti dell’immobile in via Gentile a Mariotto, ma festeggiano il successo di Michele De Palma, premiato con la Stella al Merito del Lavoro. Palombaio e Mariotto, inoltre, si associano a Bitonto nel dire no alla “Buona scuola”.

Le pagine di SPORT di Carlo Sblendorio si aprono con il calcio. L’U.S., dopo la salvezza, pensa alla gestione dello stadio, l’USD Città di Bitonto, dopo una stagione da incorniciare, vede infrangere il sogno serie C1 ai playoff, mentre l’Olimpia Torrione festeggia il successo nella “Gazzetta Cup 2016”.

L’insoddisfazione dell’ASD Karate Club per le prestazioni al Campionato nazionale a Lido di Ostia va a braccetto con quella degli uomini della Volley Bitonto che, dopo un brutto campionato, retrocedono in serie D.

Infine, “Sport e Vita – storie di ieri e di oggi” ricorda il successo della Serenissima che andò in serie C, ma fu esclusa dalla Lega.

Ma questa non è l’unica rubrica del “da BITONTO”. Anche questo mese tornano: “il Pinto della situazione” con l’affaire migranti nel Corteo Storico, Michele Giorgio si concentra sulla “Educazione e famiglia nell’Amoris laetitia di papa Francesco”, Valentino Garofalo consiglia il libro “Questioni mortali”, mentre Domenico Achille ci parla di “Insegnare oggi”.

Interessante anche a pagina 3 il contributo di Giovanni Procacci su San Francesco da Paola.

Il “da BITONTO” vi aspetta in edicola.