GDF. Sequestrati beni immobili per circa 600mila euro ad un pregiudicato di Bitonto

Risulterebbero sproporzionati rispetto al profilo reddituale dichiarato e ai gravi indizi di averli acquisiti con i proventi delle attività illecite commesse nel tempo

Stampa l'articolo

Nei giorni scorsi, i Finanzieri della Tenenza di Bitonto - coordinati dal I Gruppo Bari, nell’ambito della costante azione di contrasto alla criminalità organizzata, hanno dato esecuzione, in Bitonto, ad un Decreto di sequestro patrimoniale emesso dalla Terza Sezione Penale - in funzione di Tribunale della Prevenzione - del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica di Bari, avente ad oggetto beni immobili per un valore complessivo di circa 600.000,00 euro. In particolare, nel citato Decreto sono stati riconosciuti – a seguito di accertamenti che necessitano della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa – assets patrimoniali posti nella disponibilità, diretta e indiretta, di un soggetto cinquantaduenne gravato da numerosi precedenti di polizia e penali per reati contro il patrimonio.

Secondo l’impostazione accusatoria, i beni immobili sequestrati risulterebbero ingiustificatamente sproporzionati rispetto al profilo reddituale dichiarato e ai gravi indizi di averli acquisiti con i proventi delle attività illecite commesse nel tempo, ovvero furti (commessi anche nell’ambito di associazione per delinquere), rapine pluriaggravate, estorsioni e ricettazione.

L’esecuzione del sequestro, che ha avuto ad oggetto un intero stabile (costituto da un appartamento di n. 5 vani e accessori e da n. 3 locali deposito con annesso giardino pertinenziale) ed un appartamento (costituito da n. 3 vani e accessori), rappresenta l’epilogo della complessa e articolata attività investigativa svolta dai Finanzieri di Bitonto, finalizzata alla ricostruzione del profilo di pericolosità sociale del proposto e all’individuazione degli assets patrimoniali e finanziari acquisiti illecitamente.

Le informazioni e i dati ottenuti mediante l’utilizzo approfondito della Banche Dati in uso al Corpo hanno consentito di accertare i gravi indizi di un’ingiustificata discordanza tra il reddito dichiarato dal soggetto e dal suo nucleo familiare e il valore delle disponibilità acquisite nel tempo.

Gli esiti dell’attività d’indagine costituiscono un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato dai Reparti territoriali della Guardia di Finanza, in stretta sinergia con l’Autorità Giudiziaria nelle investigazioni economico-patrimoniali finalizzate ad aggredire ogni forma di ricchezza illecita, a tutela dei cittadini rispettosi delle regole.