Giffoni Film Festival, il pianista Alberto Iovene musica "Kintsugi", il documentario di Lorenzo Scaraggi

Bitonto cala due assi alla più grande kermesse internazionale di cinema per ragazzi

Stampa l'articolo
<<Guardare il documentario e ascoltare le mie musiche in una sala cinematografica gigantesca, piena di ragazzi e pubblico attento, è stata una grande emozione>>. Con queste parole il pianista jazz bitontino, Alberto Iovene, racconta l’esperienza vissuta, nei giorni scorsi, al Giffoni Film Festival. La sua partecipazione alla più grande kermesse di cinema per ragazzi la deve alle musiche che ha composto per il nuovo lavoro scritto e diretto da Lorenzo Scaraggi, giornalista e reporter suo compaesano.
"Kintsugi", questo il titolo del documentario, raccoglie al suo interno tutte musiche originali composte appositamente da Iovene, fra cui il tema principale, ovvero la colonna sonora, dal titolo "Compagni di Banco" che apre e chiude il documentario. Prodotto da Con i Bambini con IF Imparare Fare, in collaborazione con Omero su Marte, Kintsugi racconta la storia di tre undicenni che vivono in alcuni borghi del teramano colpiti dal sisma del 2016.
Contrastare la povertà educativa e culturale attraverso il cinema e, più in generale, l’audiovisivo, è stata una delle tematiche affrontate dal Giffoni 2022 che, quest’anno, ha consolidato una collaborazione con Fondazione con il Sud e Impresa sociale "Con i bambini".
Il lavoro firmato da Scaraggi, con le musiche di Iovene, è stato realizzato con il contributo del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, e presentato durante il festival. Durante la proiezione, il 22 luglio, il pianista pugliese è stato presente insieme all’autore del documentario.