Gli agricoltori bitontini senza carburante a causa dell'immobilismo dell'amministrazione comunale

Damascelli e Rossiello: "La giunta esca da inerzia e si sblocchi la procedura"

Stampa l'articolo
"Dal primo gennaio nel Comune di Bitonto sono bloccate le procedure per il rilascio dei libretti di controllo UMA (Utenti Motori Agricoli), che danno diritto ad agevolazioni fiscali (per le aziende del settore in possesso di partita IVA) sull’acquisto di nafta e benzina agricola. Un disservizio grave che blocca le attività produttive e lavorative di un comparto già in grande sofferenza. Insomma, non solo la Giunta comunale trattiene indebitamente i fondi delle gelate del 2018 da distribuire agli agricoltori, ma ‘regala’ anche quest’altra ‘tegola’: siamo senza parole”. Si fanno portavoce delle giuste lamentele dei tanti agricoltori e imprenditori bitontini l’ex consigliere regionale Domenico Damascelli e la consigliera comunale Carmela Rossiello. “Le aziende agricole – spiegano – possono acquistare carburante con accisa agevolata, ma a causa di un nuovo disinteresse del Governo cittadino questo non è possibile, perché la procedura è bloccata da 14 giorni. Dovranno muovere i mezzi agricoli di nuovo con gli asinelli?”, chiedono. “È indecente – tuonano Damascelli e Rossiello – che ci sia tanto disinteresse nei confronti di un settore così importante per la nostra economia: sia coloro che stanno completando la raccolta delle olive, sia le imprese che hanno iniziato altre fasi della coltivazione, non possono accedere al carburante per la movimentazione delle macchine agricole e ciò è incredibile!”. “La giunta negligente di centrosinistra esca immediatamente da questo assurdo immobilismo e dall’inerzia – continuano i due rappresentanti –: si dia da fare per il rilascio dei libretti e l'assegnazione delle quote, al fine di consentire ai produttori (già abbastanza bistrattati) di poter continuare nel loro lavoro quotidiano. Questa amministrazione comunale non è in grado nemmeno di assicurare le procedure ordinarie, siamo al paradosso”.