Ignoti oltraggiano con spray nero due lapidi nel cimitero di Bitonto

Non si sa se si tratti di un atto di intimidazione o vendetta, ma di certo è il punto di non ritorno della nostra (in)civiltà

Stampa l'articolo

Una vergogna senza fine. Quando viene violato anche il recinto sacro di una città, ci troviamo dinanzi al punto di non ritorno della (in)civiltà. È accaduto ieri mattina, nel cimitero di Bitonto ed è la massima espressione della barbarie, vessare persino i cari estinti. Due lapidi, nella zona centrale del campo santo sono state oltraggiate con lo spray nero.

Volti, nomi, date, parole commosse: tutto cancellato dal buio spruzzato da mani anonime. La signora Sabrina Ragno, figlia e zia delle persone custodite da quelle tombe, è amareggiata non meno che rattristata: "Certo, andrò a fare denuncia contro ignoti, ma davvero non so chi possa essere stato. Forse qualcuno che non ha il coraggio di parlare a quattr'occhi, chi lo sa. Sono venuti solo i vigili urbani e solo perché siamo rimasti qui oltre l'orario di chiusura. E, poi, va bene subire il furto di lampade e fiori, ma una cosa del genere è proprio inammissibile".

E, forse, un gesto così, ahinoi, è "puro" linguaggio mafioso...