In edicola il nuovo numero del "da BITONTO". Speciale su come la città affronta l'emergenza Covid

In prima pagina, la toccante storia di una concittadina sopravvissuta al Coronavirus

Stampa l'articolo

L’emergenza Coronavirus continua purtroppo a mettere in ginocchio l’Italia e anche la nostra città.

La pandemia e la crisi economica causata dalla stessa stanno portando conseguenze devastanti per il nostro territorio, ma a tutti i livelli si cerca di affrontare al meglio la situazione.

Nello speciale del nuovo numero del “da BITONTO”, ora in edicola, sono stati segnalati i consigli degli esperti e le manovre messe in campo dalle istituzioni.

In prima pagina, poi, la toccante storia di una nostra concittadina sopravvissuta al Covid 19. Ma anche il benvenuto a Mons. Giuseppe Satriano,  nuovo arcivescovo di Bari-Bitonto, e gli auguri di buon lavoro al bitontino Italo Federici, eletto nel Comitato direttivo centrale dell’Associazione Nazionale Magistrati.

Anche nella sezione CRONACA, si parla di Covid con l’appello del sindaco alla responsabilità di tutti e con la donazione di un monitor all’ospedale Miulli da parte della famiglia del prof. Vincenzo Schiraldi, scomparso lo scorso aprile proprio a causa del virus.

Novità poi dalla POLITICA bitontina, con la staffetta in Consiglio comunale tra il dimissionario Francesco Brandi e la new entry Domenico Pinto. Uno sguardo va anche ai movimenti in Regione e ai lavori in cantiere per Bitonto 2020.

La luce, intanto, torna a brillare nei cimiteri cittadini e il monumento funebre dell’artista Francesco Speranza torna a splendere grazie all’allestimento floreale curato da Michele Castellano e Giovanni Lucarelli.

Il liceo Carmine Sylos invece si allarga grazie al recupero di altre 16 aule.

Nel nostro TERRITORIO, però, non mancano anche le preoccupazioni con l’aumento dei tumori causato probabilmente dalle troppe antenne e con le difficoltà vissute dagli agricoltori per la campagna olivicola.

Dallo storico Marino Pagano, in ultimo, arriva la proposta di esporre nella nuova sede il più antico ex voto bitontino dedicato ai Santi Medici , conservato ora nel vecchio Museo Diocesano.

Tutta dedicata al cinema è invece la prima pagina del settore CULTURA E TRADIZIONI, con i successi dell’attrice Gaja Masciale e dei registi Raffaello Fusaro e Lorenzo Scaraggi.

Spazio anche al ritorno in Cattedrale del Cristo Nero, al riconoscimento per la professoressa Maria Antonietta Elia, insignita del titolo di Dama dell’Ordine Equestre di San Silvestro, e al concorso letterario dell’AEDE dedicato agli studenti.

La sezione FRAZIONI racconta l’emergenza Covid a Palombaio e Mariotto, dove è tornato il presidio mobile dei Vigili urbani.

Tempo di bilanci invece per lo SPORT bitontino. Nella pausa imposta dal Covid, il Bitonto calcio trova la forza per rilanciarsi, mentre le compagini di futsal femminile e maschile cercano nuova energia per continuare la cavalcata vincente.

Tributo infine a Loris Palazzo, il calciatore bitontino in forza al Brindisi per il campionato di serie D.

Immancabili anche in questo numero le nostre rubriche: Michele Giorgio ricorda Maria Montessori che ebbe tra i suoi maestri il pedagogista bitontino Nicola Fornelli, Antonio Castellano racconta la storia del dottor Vincenzo Murgolo, sindaco di Bitonto, e del Seminario Vescovile, Valentino Garofalo consiglia la lettura de “Il richiamo della tribù” di Mario Vargas Llosa, Giovanni Vacca con la sua “Parola dell’anima” offre un contributo dal titolo “Fratelli tutti, nonostante tutto”.

Il "da BITONTO" vi aspetta in edicola.