Inaugurazione ufficiale per il restyling di piazza XX settembre

Abbaticchio: "più spazio al passeggio, meno ad auto e asfalto". Una volta avviato, il cantiere durerà sei mesi

Stampa l'articolo

Piazza XX Settembre si prepara a cambiare volto. Ieri, alla presenza dell’arcivescovo della Diocesi di Bari-Bitonto, Giuseppe Satriano, si è tenuta l’inaugurazione del cantiere che, entro sei mesi dall’avvio, garantirà un vero e proprio restyling per la storica piazza, nota anche come “piazza Sant’Egidio”, e, storicamente, al centro della vita sociale ed economica di Bitonto.

L’area asfaltata che si frappone tra la chiesa dell’Annunziata e l’area pedonale di via Pasculli sarà inglobata nella piazza. Nuova pavimentazione sarà installata in tutta l’area. Una pavimentazione che includerà chianche nuove e chianche già esistenti. Saranno 18 le panchine in pietra installate e sarà riqualificato anche il sistema di illuminazione. L’attuale fontana verrà sostituita con una decorativa e mentre le aiuole saranno ridisegnate. Prevista anche l’installazione della cartellonistica informativa dei beni architettonici legati alla piazza. Al margine sud sarà realizzato un collegamento viario per l’accesso da via Matteotti, mentre a Nord ci sarà una seduta in pietra, che richiama quello che, fino al 1882, era il Torrione di Sant’Agostino, risalente al XIV secolo. L’area, infatti, potrebbe svelare «la base di uno dei torrioni della nostra cinta muraria», ha sottolineato il sindaco Michele Abbaticchio, evidenziando l’importanza di togliere spazio all’asfalto e alle auto, per favorire il passeggio. La durata del cantiere, una volta avviato, sarà di sei mesi.

L’importo del progetto è di 1,350 milioni. Rientra tra gli interventi per le attività di promozione e di infrastrutturazione turistica di 49 comuni di tutta la Regione, grazie ad una variazione di bilancio della giunta regionale da 55 milioni di euro. La piazza, infatti, rientra nelle tre categorie previste dal bando per l’intervento di ristrutturazione urbanistica, “Patto per la Puglia”, in quanto tra le porte di accesso per residenti e turisti al centro storico della città.

Per il primo cittadino «questa è un’occasione per una delle arterie commerciali principali della città, per la comunità parrocchiale, che avrà finalmente uno spazio urbano più accogliente, e per l'intero centro antico. Quest'ultimo avrà un ingresso privilegiato, che guarda al nostro hub ferroviario principale».

«Da sempre tutti i luoghi di incontro sono segni di speranza: per cui ogni volta che noi riusciamo a realizzare degli spazi dove le persone possono ritrovarsi con maggiore serenità e maggiore capacità di incontro, si realizzano spazi generativi, spazi che possono essere fecondi per la storia di un paese, di una città, di una realtà civica come quella di Bitonto», ha aggiunto mons. Satriano.