Incendi estivi. Entro il 15 giugno obbligatori interventi di prevenzione in terreni e aree a rischio

Il Sindaco Michele Abbaticchio ha emanato al riguardo una specifica ordinanza (n.109 del 16 aprile 2013 )

Stampa l'articolo

Anche per il 2013 la Regione Puglia ha confermato la decorrenza dal 15 giugno al 15 settembre del periodo di grave pericolosità per gli incendi per tutte le aree boscate, cespugliate o erborate.

In questo periodo, il Decreto del Presidente della Regione Puglia n. 195 del 26 marzo 2013 ha introdotto, secondo quanto previsto da specifiche normative nazionali e regionali, un’articolata e nutrita serie di prescrizioni operative (obblighi e divieti), con lo scopo di prevenire il rischio di incendi nei mesi più caldi dell’anno.

Tra i soggetti pubblici e privati chiamati ad attivarsi per la prevenzione degli incendi, a tutela della pubblica e privata incolumità, rientrano i Comuni.

IlSindaco del Comune di Bitonto Michele Abbaticchio, pertanto, ha emanato una specifica ordinanza (n.109 del 16 aprile 2013 ) con la quale, “al fine di scongiurare rischi di incendio per cause accidentali dai quali possano derivare pregiudizio a cose e/o persone” stabilisce l’obbligo per “proprietari, conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, di aree incolte, abbandonate o comunque presentanti fattori di rischio di incendio, di eseguire entro il 15 giugno 2013 le necessarie opere di difesa passiva per l’eliminazione del rischio incendi mediante l’aratura, il diserbo ovvero la pulitura di zone di terreno confinanti con aree boscate nonché limitrofe o contigue ad abitazioni, ferrovie, strade ed autostrade, con la realizzazione di idonee fasce di protezione di larghezza non inferiore a 15 metri”.

L’obbligo permarrà sino al 15 settembre 2013, termine del periodo dichiarato a grave rischio incendi in tutto il territorio pugliese.

Si tratta di prescrizioni specifiche che vanno ad integrare gli obblighi e i divieti contenuti nella normativa regionale e nazionale.

Le Forze dell’Ordine, il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia provinciale, i Vigili del Fuoco e la Polizia locale vigileranno sull’osservanza dell’ordinanza, che prevede, in caso di trasgressione, l’applicazione di una sanzione amministrativa compresa tra 125 e 900 euro, fatte salve le ulteriori disposizioni di legge.

Nell’ordinanza del Sindaco anche l’invito ai cittadini, a contattare tempestivamente, in caso di avvistamento di incendio, il Comando del Corpo Forestale dello Stato (telefono: 1515), i Vigili del Fuoco (telefono: 115) o il Comando di Polizia Locale (telefono: 080.3751014).