Inchiesta Scuola Parte 2/ La dirigente Giannoccari: "Solo insieme ce la faremo"

Tanti i problemi ma c'è tanta forza, tenacia e fiducia nella scuola e nel domani

Stampa l'articolo

Procediamo nei nostri incontri con i dirigenti scolastici con un’altra zona della città.

Nuova all’incarico, abbiamo incontrato la preside prof.ssaMaria Pia Matilde Giannoccari dell’Istituto Comprensivo “G.Caiati – V. Rogadeo”.

Dalle parole della professoressa si rileva un velato senso di malcontento per la mancanza di una comunicazione tra Comune e scuole per la famosa, almeno a parole, “rete scolastica”, per cui è stato proposto un incontro il prossimo 9 novembre.

Ha dichiarato che all’assunzione del suo incarico ha trovato solo una rete fra le scuole per quanto riguarda il progetto F3 della  “Dispersione scolastica”.  

«L’Istituto è ancora in fieri – come dichiara la prof. Giannoccari - per migliorare la qualità didattica e organizzativa. Il mio obiettivo è appunto questo».

Per la situazione attuale risulta necessaria una verticalizzazione delle scuole in funzione di una formazione culturale migliore e di un minore dispendio economico.

«Nell’Istituto ci sono oltre millecento alunni e a livello strutturale c’è disponibilità di accoglienza. Tuttavia risulta sempre necessario un restyling – denota premurosamente la dirigente – dei vari plessi e una migliore ordinaria manutenzione da parte del Comune, che è stato abbastanza sollecitato a una maggiore sicurezza in vista del decreto 81 del 2008. Non ci sono state, infatti, risposte fattive». 

A livello organizzativo non è ancora partito il registro elettronico e non sono stati messi a disposizione sussidi e fondi per aiutare le famiglie nelle spese scolastiche. Enorme è la difficoltà con cui ciascuna di queste famiglie garantisce l’istruzione ai propri figli.

In più nell’Istituto Comprensivo Statale “G. Caiati- V. Rogadeo” non si sa ancora quando partirà la mensa.

La Preside Giannoccari si mostra fiduciosa nel suo intervento, all’inizio del suo cammino, e dichiara: «Solo insieme ce la faremo».