L’avvocato Romina Centrone selezionata per il progetto europeo T.R.A.U.M.A. sulla tutela dei minori dei migranti non accompagnati

La giovane bitontina rientra nella ristretta cerchia dei 90 avvocati italiani selezionati dalla Commissione Human Rights del Consiglio Nazionale Forense

Stampa l'articolo

Il Progetto T.R.A.U.M.A. "Training of Lawyers on European Law relating to Unaccompanied Migrant Minors", promosso dal Consiglio Nazionale Forense - in partenariato con il Consejo General de la Abogacía Española (Spagna), la Law Society of Ireland (Irlanda), la Athens Bar Association (Grecia) , la Krajowa Rada Radcow Prawnych (Polonia) ed il Barreau de Paris (Francia) - è coordinato dalla European Lawyers Foundation (Fondazione del Consiglio degli Ordini Forensi europei - CCBE) ed è finanziato dalla Commissione europea (DG Justice) con la finalità di formare 600 avvocati provenienti da 6 diversi Stati membri (Italia, Francia, Spagna, Grecia, Irlanda e Polonia) in materia di diritto europeo della migrazione e dell'asilo con particolare riguardo per i minori stranieri non accompagnati. Nell’ambito del ridetto progetto, l’avvocatessa bitontina, quotidianamente impegnata nel delicato settore del diritto di famiglia, è stata selezionata dalla Commissione Human Rights del Consiglio Nazionale Forense per il progetto europeo T.R.A.U.M.A. sulla scorta dei titoli e competenze specifiche in tema di formazione ed integrazione. La Centrone, infatti, classe 1987, è fervidamente attiva nel sociale, ricoprendo ruoli apicali in realtà territoriali di spicco. In particolare, è Presidente dell’Associazione Giovani Avvocati del Foro di Bari (attiva nell’organizzazione di eventi formativi e di aggiornamento giuridico), Vicepresidente e co-fondatrice della Bitcoin Foundation Puglia (importante realtà del Sud Italia impegnata nei più importanti tavoli tecnici presso la Camera dei Deputati nonché istituzioni italiane e Università degli Studi di Bari ove è in avvio la seconda edizione dello short master in tema di criptovalute) ed, infine, ha svolto attività di consulenza legale nell’ambito delle relazioni internazionali per il Mazagat Festival ovvero il primo Festival di Internazionale di danza e cultura Medio Orientale a Bari. L’evento artistico-culturale, patrocinato dalle istituzioni, chiama a Bari artisti di calibro internazionale e studenti da tutto il mondo, consolidandosi negli anni quale una delle realtà più importanti del Sud Italia in tema di sensibilizzazione sociale ed integrazione culturale attraverso l’arte.