La festa dell’Immacolata Concezione Patrona di Bitonto tra solennità e tradizione con Novena e Solenne Processione

Don Marino Cutrone ha pensato bene di introdurre delle novità nella solennità molto cara ai nostri concittadini

Stampa l'articolo
Don Marino Cutrone ha pensato bene di introdurre delle novità nella festa dell’Immacolata Concezione molto cara ai bitontini venerata con un culto speciale in Cattedrale dai confratelli dell’Arciconfraternita Papa Leone XII con decreto della Sacra Congregazione dei Riti pose dal 25 gennaio 1826 la Messa Pontificale in onore all’Immacolata Concezione nella Cattedrale di Bitonto. Si evince nei Registri degli Atti Capitolari Confraternali che pontefici, cardinali, vescovi e sacerdoti hanno riconosciuto nella storia secolare la devozione all’Immacolata tributata con onore dai confratelli nella Cattedrale: “Semper coluerunt imaginem Cathedrali summa devotione Immaculatae”. L’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione è una presenza operosa e propositiva entro la realtà civica e religiosa nella città di Bitonto, sotto la giurisdizione di mons. Giuseppe Satriano arcivescovo di Bari-Bitonto e di don Marino Cutrone nuovo padre spirituale dell’arciconfraternita. Sarà celebrata in Cattedrale come da tradizione dal 29 novembre al 7 dicembre la Novena all’Immacolata, incentrata sul tema: “Madre Immacolata, Vergine Odegitria, intercedi per noi Chiesa, perché non venga meno l’audacia dell’osare, sapendo sperimentare con generoso slancio la disponibilità all’incontro e l’entusiasmo del servizio. Amen”. Nel lato sinistro dell’altare troneggia con maestà la statua patronale dell’Immacolata riccamente ornata di tappezzeria con addobbi floreali. La liturgia sarà animata dalle parrocchie bitontine con la recita del rosario alle 18.00, cui seguiranno alle 18:30 la Messa e la Novena. Giovedì 8 dicembre solennità dell’Immacolata Concezione, alle 10:00 sarà celebrata la Messa Pontificale presieduta da mons. Vito Piccinonna vescovo eletto di Rieti, concelebreranno don Marino Cutrone parroco della Concattedrale, i sacerdoti del Capitolo Concattedrale, parteciperanno le Arciconfraternite, Confraternite, Comitato Feste Patronali, Associazioni mariane, fedeli, autorità civili e militari, tra cui, il sindaco avv. Francesco Paolo Ricci e il presidente dell’arciconfraternita dott. Francesco Cannito. La Messa sarà trasmessa in diretta televisiva su Delta TV canale 83. Al termine della Messa si snoderà per le vie della città la tradizionale e solenne processione con la partecipazione dei fedeli, le confraternite e i confratelli dell’Immacolata con gli abiti di rito confratenale. La sacra immagine sarà portata a spalle dai devoti portatori e scortata da due Agenti di Polizia Locale in alta uniforme, durante il percorso la processione sosterà dinanzi alla Porta Baresana per effettuare l’omaggio floreale alla scultura dell’Immacolata che campeggia sulla sommità della Porta Baresana (ai piedi della quale vi si leggono queste parole “Posuerunt me custodem”) a cura del Gruppo Folkloristico Re Pambanèlle ad opera dei Vigili del Fuoco del distretto di Bari. Le relative notizie storiche e devozionali sono riportate nel pregevole volume mariano: “Immacolata Concezione icona della chiesa”, con prefazione di mons. Francesco Cacucci arcivescovo emerito di Bari-Bitonto, l’autore del libro è stato il prof. Giuseppe Cannito presidente emerito dell’Arciconfraternita Immacolata Concezione, con il patrocinio dall’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, dal Comune di Bitonto Assessorato alla Cultura e dall’Arciconfraternita Immacolata Concezione di Bitonto. Con la novena all’Immacolata iniziano le feste natalizie, tant’è che le strade cittadine sono addobbate dalle spettacolari luminarie, si inizia a sentire nelle case dei bitontini il profumo del nuovo “olio extra vergine d’oliva” prodotto con dedizione dai contadini bitontini, a tale proposito Papa Giovanni Paolo II nella Visita Pastorale effettuata il 26 febbraio 1984 presso la Porta Baresana (dove sosterà la sacra immagine patronale dell’Immacolata) definì la città di Bitonto “La città dell’ulivo e della pace”.