La nostra Santo Spirito è ancora più bella se vista con gli occhi di Sophia Loren

Volto lucente di commozione per l'attrice premio Oscar nella scena tratta dal film “Una vita davanti a sé”

Stampa l'articolo
“Che pace…”: solo due parole sibilate da labbra tremanti come il cuore. Poi solo silenzio e luce. Quella del giorno appena nato che fa brillare di bellezza il porticciolo di Santo Spirito. E’ una perla che già ci portiamo nella memoria, il volto lucente di commozione di Sophia Loren nella scena tratta dal film “Una vita davanti a sé”, in cui l’attrice interpreta il ruolo di Madame Rosa, un’anziana ebrea reduce da Auschwitz ed ex prostituta. Ormai gravemente malata e in fuga dall’ospedale, Madame Rosa raggiunge quell’angolo di quiete in riva al mare, su una carrozzina per disabili spinta da Momo, un ragazzino senza genitori, senegalese e musulmano. Sarà lui a deporre sulla tomba della donna che lo aveva “adottato”, la fotografia ingiallita delle mimose che avevano folgorato la protagonista negli anni felici dell’infanzia trascorsa a Viareggio con i genitori. Vedere con gli occhi “crepuscolari” della Loren quel tratto di mare così caro a chi lo conosce da sempre, rinnova un’emozione. Quella che non ha voce - come canta Adriano Celentano – in cui ci manca un po' il respiro. E in quella luce la nostra anima si espande. Come musica e nostalgia d'estate.