La voce delle scuole: parte l'inchiesta all'interno dei nostri Istituti

Un racconto che parte dai dirigenti e dalle forze politiche in campo, attraversa gli studenti e termina con ex docenti

Stampa l'articolo

Schola magistra vitae, la scuola è maestra di vita.

Palestra di anime, vite, bambini e ragazzi che diventano creature pensanti autonome e cittadini del domani, ma anche dell’oggi.

Non sempre, però, le situazioni all’interno delle strutture scolastiche sono delle più floride e ottimali, a detta di tutti quelli che vi prendono parte: dai dirigenti ai docenti, passando per il personale e finendo (non ultimi per importanza, anzi!) con i ragazzi, che purtroppo diventano spettatori passivi di realtà ben più grandi e incomprensibili.

E forse è meglio.

Tutto in questo momento sociale e storico ci sforziamo di credere che “deve far rete”.

Rete è collaborazione, è agire per un bene comune, impiegare le forze per raggiungere un solo obiettivo: la crescita serena di quel che sono i nostri figli, fratelli, nipoti. Il nostro domani.

Non sempre ciò accade. Perché? Molteplici i problemi.

Poltrone da mantenere, posti di lavoro da non poter perdere, interessi politici, spesso impedimenti reali derivanti dalla legge sempre contorta, che mai si rende semplice e a favore, almeno ogni tanto, dei cittadini.

Ma veniamo a noi.

Abbiamo girato per le strade della città, entrando a stretto contatto con le scuole bitontine attraverso l’incontro di tutti i dirigenti scolastici.

Carmelo Daucelliper la “N. Fornelli”, Anna Teresa Bellezza per l’Istituto Comprensivo “Cassano – De Renzio”, Angela Mangini per l’I.c. “Sylos – Don Milani”, Maria Pia Matilde Giannoccari dell’I.c. “Caiati”, Pastoressa per l’I.c. “Modugno – Rutigliano” e Giuseppe Paciullo per la scuola “don Tonino Bello”.

Abbiamo analizzato, insieme a loro, la rete scolastica attraverso il connubio, sia con gli Istituti che con il fronte comunale, ma anche la  gestione degli spazi scolastici, i problemi economici delle famiglie meno abbienti (ahinoi, in continuo aumento), per ultimo la mensa per alcuni partita solo quest’anno.

Proprio riguardo la mensa, vi diamo subito qualche dettaglio tecnico per capire meglio la questione.

La mensa scolastica, che partirà proprio oggi, sarà gestita dalla ditta Pastore srl. Nella scuola dell’infanzia sono 43 in totale le sezioniinteressate (14 al 1° C.D. “Fornelli”, 5 all’I.C. “Cassano-De Renzio”, 2 all’I.C. “Sylos”, 7 all’I.C. “Caiati-Rogadeo”, 9 all’I.C. “Modugno-Rutigliano”, 6 all’I.C. “don Tonino Bello”: 3 a Palombaio e 3 a di Mariotto). Le scuole primarie, che partono con il servizio sono 3: il 1° C.D. “Fornelli” con 4 classi, l’I.C. “Sylos” con 2 classi del plesso “don Milani” e l’I.C. “Modugno-Rutigliano” con 4 classi del plesso di via Amendolagine.

Novità importanti anche per le tariffe a carico delle famiglie. La Giunta comunale, infatti, ha ritoccato i prezzi del ticket e introdotto riduzioni e agevolazioni specifiche (delibera n. 244 del 30 settembre). Per la scuola dell’infanziail ticket per singolo pasto varia da 0,40 a 3,84 euro, in funzione del reddito familiare; gli alunni della scuola primaria, invece, pagheranno un ticket variabile, sempre in base al reddito, da 0,44 a 4,26 euro. Una riduzione del 15% sul costo del singolo ticket sarà riconosciuta al secondogenito nel caso di due figli che usufruiscono contemporaneamente del servizio; la riduzione sale al 30% per il terzogenito e successivi nel caso di tre o più figli che frequentano la mensa. La Giunta ha anche introdotto l’esonero dalla partecipazione al costo del pasto, nei casi di particolare difficoltà economica del nucleo familiare, che sarà accertato dal Settore Servizi sociali. I modelli di domanda da utilizzare per l’iscrizione sono già disponibili nella sezione “Modulistica” del sito internet del Comune di Bitonto (http://www.comune.bitonto.ba.it/cittadini/moduli.html).

Non ci siamo sottratti all’ascoltare anche l’assessore alla Pubblica Istruzione, il prof. Vito Masciale, in modo da rendere più chiara la situazione e soprattutto per far giungere voi, nostri cari lettori, alle conclusioni.

Nell’inchiesta, assieme alle mie due fedeli compagne di avventura Maria Carmela (Carmen) Toscano e Cinzia Monte, anche il giovanissimoFrancesco Castellaneta che ci ha raccontato “la scuola dentro” e un professore, ormai in pensione, che ci ha svelato misteri, virtù, impegno sociale e nostalgie della tanto amata scuola.

Vi auguro una buona lettura e una obiettiva visione dell’indagine.