Partito lunedì scorso il servizio di vigilanza armata in Villa Comunale

Per 92 giorni due guardie armate vigileranno dalle 18 a mezzanotte

Stampa l'articolo

E’ partito lunedì scorso, il servizio di vigilanza armatanella villa comunale, ideato allo scopo di proteggere i fruitori del polmone verde cittadino da episodi di delinquenza e vandalismo. Un servizio il cui inizio era inizialmente previsto per il primo giorno di luglio, fino al 30 settembre.

Per novantadue giorni, fino al 20 ottobre, due guardie giurate, dalle 18 fino a mezzanotte, vigileranno la villa comunale. Una delle due unità sarà fissa nella zona ludica, dove ci sono le giostrine per i bambini. Zona peraltro già monitorata grazie alla presenza di tre telecamere wireless. La seconda unità, invece, perlustrerà l’intera villa a piedi oppure a bordo di mezzi di locomozione, come ciclomotore. Il costo del servizio è di 16 euro all’ora, per un totale di 25 mila euro.

Le guardie saranno armate e faranno il possibile per far osservare i divieti imposti con ordinanza sindacale, all’interno del perimetro della Villa” assicura Gaetano Paciullo, tenente dei vigili urbani, forza con cui i due agenti dovranno costantemente interfacciarsi: “Saranno sempre in contatto sia con la centrale operativa del Faro(la società che si è aggiudicata la gara d’appalto, ndr), sia con la Caserma della Polizia Municipale. Se dovesse accadere qualcosa di particolare, tale da rendere necessario il nostro ausilio, noi interverremo immediatamente”.

Un’idea sperimentata già negli anni scorsi, durante la giunta Pice, come ricorda il tenente, che aggiunge: “I risultati, all’epoca, furono molto positivi. E’ un servizio che, secondo me, servirà e renderà molto”.

Ma perché la sorveglianza della Villa terminerà il 20 ottobre?

Il limite dei tre mesi è dovuto ad esigenze di bilancio – conclude Paciullo -  Una volta approvato il bilancio, non è detto che il servizio di vigilanza non possa proseguire anche oltre la data stabilita”.