Partono (finalmente) i lavori per la pista ciclopedonale. I tempi di realizzazione, circa sei mesi

Il costo di 500 mila euro. Il percorso polifunzionale sarà composto da un circuito protetto ad anello e da un rettilineo trasversale

Stampa l'articolo

Dopo anni di attesa, di blocchi e di rinvii, l'area ciclo - pedonale a due passi dalla piscina comunale è finalmente realtà.

Oggi, infatti, come annuncia il sindaco Michele Abbaticchio, partiranno i lavori di realizzazione, che dureranno circa 6 mesi.

«È uno dei tasselli assicurati al mosaico della "cittadella dello sport" che vedrà un ulteriore passo in avanti con la realizzazione del centro polifunzionale sportivo dedicato a Paolo Borsellino, già finanziato con un progetto presentato da questa amministrazione nel settembre scorso», afferma il primo cittadino.

Il progetto sembra essere a netto vantaggio degli amanti della bicicletta, del jogging e dell'attività fisica perchè prevede un percorso polifunzionale composto da un circuito protetto, utilizzabile da ciclisti, pattinatori e podisti e di un’area attrezzata rivolta alle attività ginniche. Costo complessivo di 110 mila euro, metò dei quali finanziati dalla Regione Puglia.

La “prima pietra” di oggi mette fine ad una gestazione abbastanza lunga dell'area ciclo – pedonale. Che inizia nel 2009, quando l'ufficio tecnico predispone un progetto di ampio respiro dal costo di 500 mila euro che si propone di realizzare un percorso polifunzionale composto da un circuito protetto ad anello e da un rettilineo trasversale; un’area destinata alle prove di abilità in bicicletta per i piccoli ciclisti; un’area attrezzata per attività ginnica all’aperto complementare ed integrata al percorso salute che utilizza la pista stessa e un blocco servizi alla pista. La somma, però, “spaventa” l'allora sindaco Raffaele Valla, che decide di dare il disco verde soltanto alla pista polifunzionale. Che nel 2010 vede la sua forma definitiva.

Sembra tutto pronto, se non fosse che l'ok della Provincia arriva soltanto nel maggio 2012, ma il Comune non può dare avvio ai lavori perchè bloccato dal patto di stabilità. A ottobre scorso, frattanto, l'ufficio tecnico ridefinisce il progetto rendendolo più costoso di 13 mila euro, coperti da fondi comunali.

Ad inizio 2013 l'accelerata: superato il vincolo del patto di stabilità, a marzo la giunta comunale sblocca i fondi necessari per la realizzazione dell'opera, e gli uffici predispongono i bandi e gli appalti necessari.

Si arriva ad oggi, giorno dell'avvio dei lavori.

Abbaticchio anticipa inoltre che da Palazzo Gentile sono al lavoro per preparare gli appalti integrati anche per il Centro tecnologico che sorgerà nella zona artigianale, e che i lavori dovranno iniziare necessariamente entro dicembre.