Passante ferroviario per l’aeroporto, venerdì mattina l’inaugurazione

Ieri, intanto, conferenza stampa di presentazione presso la nuova stazione ferroviaria dell’aeroporto

Stampa l'articolo
Passante ferroviario per l’aeroporto, venerdì mattina l’inaugurazione
La nuova stazione ferroviaria dell'aeroporto

Un nuovo importante servizio all’utenza sta per essere lanciato dalla Ferrotramviaria. A partire infatti da sabato prossimo, 20 luglio, sarà possibile raggiungere l’aeroporto di Bari – Palese “Karol Wojtila”con i treni della Ferrovia del Nord Barese grazie al passante che è stato realizzato tra le stazioni di Fesca San Girolamo e Bitonto Santi Medici. L’intento, dunque, è quello di collegare non solo Bari all’aeroporto ma anche tutti quei comuni dell’area metropolitana del nord barese, interessati dai servizi della Ferrotramviaria: Bitonto, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Corato, Andria e Barletta.

Si tratta di una bretella ferroviaria a doppio binario, lunga 7,7 chilometri, compresa tra il chilometro 6+050 (poco dopo la stazione di Fesca San Girolamo) ed il chilometro 14+865 (sulla strada provinciale Bitonto – Santo Spirito), con due stazioni: Aerostazione, che condurrà all’interno dello scalo aeroportuale con un breve tunnel, ed Europa, a pochi passi dalla Legione dell’Aeronautica Militare e della Cittadella della Guardia di Finanza.

Questa novità porterà cambiamenti anche sugli orari di partenza (con alternanza di treni che andranno verso Bari seguendo per Palese o per l’aeroporto) e sul tariffario, con un aumento di 4 euro sulla tratta ordinaria per il servizio aeroportuale.

L’inaugurazione ufficiale di questa importantissima opera infrastrutturale avverrà venerdì mattina, alla presenza del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e del Ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, con un treno inaugurale che partirà dalla stazione di Bari centrale della Ferrovia del Nord Barese per dirigersi alla fermata “Aerostazione”.

Ieri mattina, intanto, è stata già effettuata la presentazione della stessa nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso l’aeroporto barese, alla presenza di Enrico Maria Pasquini, Presidente di Ferromtramviaria, Giovanni Giannini, Assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture della Regione Puglia, Massimo Nitti, direttore di Ferrotramviaria, Mariella Polla, per Trenitalia, Giuseppe Acierno, amministratore unico di Aeroporti di Puglia, e Maria Cicirelli, per Alstom Bari.

Enrico Maria Pasquini ha voluto sottolineare l’importanza dell’opera, «cantierizzata nel 2009 e ultimata nel 2012. Si tratta di un’opera aperta e completata nel periodo di massima crisi per l’Italia, eppure abbiamo dato l’opportunità di far lavorare e far guadagnare le imprese e la gente. Sono contento per quest’opera fruibile per tutta la Puglia, che così vuole dare ancor più l’idea di una regione accogliente e pronta».

A Massimo Nitti il compito di illustrare più nel dettaglio i termini della nuova infrastruttura. «È un’opera impegnativa a livello infrastrutturale e tecnologico, che dimostra come anche al Sud si riesca a fare qualcosa di importante. È costata 81 milioni di euro (con finanziamenti dalla comunità europea, dal governo nazionale e regionale, ndr) ed ha richiesto tre anni di intensi lavori. Tutti gli operatori ferroviari sono interessati a questo passante ferroviario che vuole collegare tutti i comuni del nord e del sud barese e tutta la regione con l’aeroporto. Per questo è nata una collaborazione con Trenitalia, Aeroporti di Puglia e altri operatori del trasporto locale, come Ferrovie Appulo – Lucane, Ferrovie del Sud Est Barese e Ferrovie del Gargano». Tra queste compagnie, soltanto con la Ferrovia Sud Est tarda ad arrivare l’accordo d’intesa che, però, assicurano, verrà trovato pochi giorni dopo la partenza del nuovo servizio.

Con Mariella Pollai dettagli del protocollo d’intesa tra Trenitalia e Ferrotramviaria, firmato lo scorso 28 febbraio e valido fino al 31 dicembre 2015. «Il protocollo vuole favorire e incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico e migliorare la fruibilità del servizio per i clienti».

L’accordo permetterà di acquistare i biglietti di Ferrotramviaria e Trenitalia presso la nuova stazione dell’aeroporto, con modalità self service, e, nel caso si debba compiere un viaggio utilizzando i treni di entrambe le società, di poter acquistare direttamente a bordo il secondo biglietto, senza alcun sovraprezzo, semplicemente esibendo il ticket che attesti l’utilizzo del primo treno, entro e non oltre le precedenti 2 ore e mezze. Inoltre, in caso di cancellazioni o interruzioni di linea nel collegamento tra Bari e Barletta, si potrà salire sulla corsa dell’altra società utilizzando il biglietto del treno coinvolto nell’anormalità.

«La collaborazione tra Ferrotramviaria ed Aeroporti di Puglia – ha dichiarato Giuseppe Aciernoporterà ad una intermodalità fisica e materiale, offrendo così un servizio che consentirà ai viaggiatori di poter raggiungere ogni angolo di Puglia».

Il nuovo collegamento aeroportuale di Bari sarà controllato da un “cervellone” attivato dalla Alstom, attraverso un Apparato Centrale Computerizzato Multistazione che permetterà alla Ferrotramviaria di gestire in sicurezza il traffico ferroviario, come illustrato da Maria Cicirelli. Si tratta di un sistema di controllo del traffico molto avanzato, che si sviluppa sulla stessa falsariga di quello adottato a Bologna (il nodo ferroviario italiano più importante), e che avrà presso la Stazione di Fesca San Girolamo e presso il bivio sulla provinciale Bitonto – Santo Spirito le cabine operative. L’impianto avrà dunque la funzione di segnalamento ferroviario, di informazione ai clienti (con tabelloni luminosi digitali), telecomunicazioni, telefonia, antintrusione, rilevamento incendi, videosorveglianza e controllo varchi.

Chiusura da parte dell’assessore regionale Giovanni Giannini.

«Occasioni come queste attestano la capacità di programmare e organizzare in tempi brevi opere infrastrutturali che migliorano la qualità del trasporto pubblico locale. E realizzano pezzi di intermodalità e interoperabilità sostenute anche da direttive europee. Positivo l’accordo tra Trenitalia e Ferrotramviaria per poter viaggiare su tutti i mezzi di trasporto regionali col biglietto unico. La struttura non serve a collegare solo Bari all’aeroporto ma tutti i comuni dell’area metropolitana e del nord e del sud della regione».