Piccola studentessa colpita dalla leucemia, la scuola media "Sylos" fa scattare la gara di solidarietà

I genitori di Angelique: "Grazie alla preside, ai professori, agli alunni e alle loro famiglie per questo bellissimo gesto"

Stampa l'articolo

Angelique ha soli 11 anni ma è già una piccola leonessa, forte nella lotta contro un nemico che la vita le ha riservato così presto.

Il mostro risponde al nome di Leucemia.

Era il 7 dicembre 2017 quando la terribile malattia fu diagnosticata alla piccola bitontina, alunna della scuola media “Sylos” solo da qualche mese. Tre per l’esattezza, quanto basta per entrare nel cuore di preside, docenti, collaboratori scolastici e, naturalmente, compagni.

Così, mentre Angelique segue cicli di chemioterapia a Bari, che purtroppo non danno l’effetto voluto, e vola a Roma per sottoporsi a terapie sperimentali, l’intero istituto si attiva.

Spettacoli, vendite di pietre pitturate e collette. Tutto per raccogliere fondi e contribuire alla battaglia della piccola studentessa. Per dar forza a lei e a tutta la sua famiglia.

“È stato un gesto bellissimo. Voglio ringraziare la scuola, la preside, i professori, gli alunni e le loro famiglie per la generosità e solidarietà” commentano mamma Maria e papà Vito, che sono pronti a sostenere la loro figlia nell'ultimo round della lotta contro la leucemia.

Le terapie sperimentali, infatti, sembrano aver portato frutti. Le cellule tumorali sono quasi azzerate e presto, si spera, si potrà procedere al trapianto di midollo osseo, che una delle due sue sorelle gemelle le donerà.

Forza, Angelique. Bitonto, la tua famiglia, gli amici della scuola “Sylos” e la vita ti aspettano.