Sequestrati beni per 60milioni di euro. Dei cinque arrestati, uno è un 63enne bitontino

A Bitonto hanno messo i sigilli ad una società di fabbicazione di carrozzerie e a due imprese individuali di ristorazione-bar

Stampa l'articolo

La Polizia di Stato, Divisione Anticrimine della Questura di Bari - Ufficio Misure di Prevenzione Patrimoniali - e i militari del G.I.C.O. della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito, a conclusione di laboriosi e complessi accertamenti svolti di iniziativa, un provvedimento di sequestro anticipato di beni mobili ed immobili, nonché disponibilità finanziarie, nei confronti di 5 persone con a carico precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, la persona, in materia di armi ed altro, destanti particolare allarme sociale, appartenenti ad una associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati ai danni di istituti di credito ubicati in diverse località italiane ed estere, in particolar modo francesi.

Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Bari Sezione III, in funzione di Tribunale della Prevenzione del Tribunale di Bari presieduta dalla dott.ssa Giulia Romanazzi, in accoglimento della proposta avanzata dal sig. Questore di Bari, dr. Carmine Esposito, segue ad indagini condotte dalla Polizia Francese ed all'arresto degli appartenenti al gruppo criminoso eseguito nel 2017 da personale della Squadra Mobile della Questura di Bari, sulla base del mandato di arresto europeo - MAE - emesso dal Tribunale francese di Ligie per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine a sportelli bancomat, commessi in Francia tra il 2014 ed il 2015.

Gli appartenenti al gruppo criminoso sono il bitontino 63enne Vincenzo COZZELLA, il 36enne barese Ciro Enzo GREGORIO, il 26enne di Modugno Luigi LEONE, il 41enne barese e sorvegliato speciale Roberto PISCOPO, il terlizzese e sorvegliato speciale 39enne Giuseppe TARANTINO.

In esecuzione del citato provvedimento, il personale dell'ufficio Misure di prevenzione Patrimoniali della Questura di Bari, unitamente a quello della Guardia di Finanza, ha sequestrato vari beni mobili ed immobili, una quota societaria ed un intero compendio aziendale di una società di fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli sito in Bitonto, due imprese individuali con attività di ristorazione-bar sito in Bitonto, numerosi conti correnti bancari e postali, risultati a seguito delle indagini svolte, nella piena disponibilità, diretta ed indiretta, anche per interposta persona, ai predetti, ovvero di proprietà, oltre che di questi ultimi, dei loro familiari conviventi e dl terzi soggetti prestanome.

I beni sequestrati ammontano, complessivamente, al valore dl circa 60.000.000 dl euro e comprendono:

1 appartamento per civile abitazione sito a Palo del Colle; 2 ville per civile abitazione site a Bari-Palese; 6 terreni agricoli siti in Bitonto e Bari-Palese; 2 bar-ristorazione siti in Bitonto; quota di partecipazione in una società a responsabilità limitata sita in Bitonto, nonché intero compendio aziendale costituito da beni conferiti in comodato d'uso; 2 autovetture; Numerosi buoni fruttiferi bancari e postali; numerosi conti correnti bancari e postali.