Simboli e colori della “terra di Bari” nelle operazioni dell’Aeronautica Militare

L’Aeroporto Militare di Bari Palese apre le porte ai “media” per illustrare i compiti e le attività svolte quotidianamente

Stampa l'articolo
L’Aeroporto Militare di Bari Palese, in occasione del rientro dalla Sardegna dei contingenti “baresi” dalla piu’ importante esercitazione aerea dell’anno (Star Vega 2013), apre le porte ai “media” per illustrare i compiti e le attività svolte quotidianamente.

In tale occasione, il Colonnello Paolo Citta ed il Col. Roberto Ferrando, comandanti del Quartier Generale del Comando Scuole dell’Aeronautica Militare/III Regione Aerea e del Reparto Mobile di Comando e Controllo (RMCC), illustreranno le attività dei rispettivi Enti, cogliendo l’occasione per evidenziare i nuovi approcci di contenimento della spesa pubblica resi possibile anche grazie al particolare spirito che anima il personale “azzurro” proveniente della terra di Bari.

In particolare, il Reparto Mobile di Comando e Controllo ha una struttura organica molto snella e particolarmente efficace. Dispone di sistemi trasportabili e campali - quali sale operative, sistemi satellitari, radar, telecomunicazioni e radio – che consentono l’esercizio della funzione di “Comando e Controllo” delle operazioni aeree in tutto il territorio nazionale e fuori dai confini nazionali, preparandosi anche per operare in soccorso alla popolazione civile in caso di pubbliche calamità.

L’efficacia del RMCC è dovuta, altresì, al prezioso supporto logistico fornito dal personale,  mezzi e strutture  del Quartier Generale del Comando scuole/III Regione Aerea di Bari Palese che, realizzando una opportuna economia di scala,  ha reso possibile la partecipazione del Reparto ad esercitazioni e operazioni in contesti nazionali ed internazionali (Summit internazionali e grandi eventi”quali G8, Vertice Mondiale F.A.O., Firma della Costituzione Europea, Olimpiadi Invernali di Torino, ecc.) ed, in particolare, in occasione delle pubbliche calamità che hanno colpito la città de L’Aquila e l’Emilia Romagna.