Soppressione dei treni: "Gravi disagi per gli utenti"

Il consigliere regionale Damascelli: "Il piano di rimodulazione estiva si è tradotto in una desertificazione. La Regione ripristini le corse cancellate"

Stampa l'articolo

“Anziché potenziare il trasporto ferroviario nel periodo estivo, in modo da offrire un servizio efficiente ai viaggiatori abitualli ma anche ai turisti, in Puglia si va al contrario: i treni regionali da Barletta a Bari di Trenitalia, nel periodo dal 22 luglio al 25 agosto, sono stati infatti decimati. Un controsenso, oltre che un grave disservizio, su cui ho presentato un’interrogazione urgente diretta all’assessore regionale ai Trasporti”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli
“Il piano di rimodulazione estiva del servizio ferroviario – aggiunge – si è tradotto in una vera e propria desertificazione: nella fascia oraria fra le 7 e le 9, sono state previste due sole corse (una alle 7.18 e l’altra alle 8.27), con un buco fino alle 9.13 e nessun treno, poi, fino alle 11.09. Parliamo di una tratta che serve comuni felicemente invasi dai turisti come Trani, Bisceglie, Molfetta e Giovinazzo. Non solo: vista la fascia oraria delle corse, è evidente che la riduzione provochi non pochi disagi per i pendolari che ogni mattina utilizzano il treno per recarsi sul posto di lavoro. Pochi treni, chiaramente sempre affollatissimi, in un clima afoso con frequenti malfunzionamenti dell’aria condizionata a bordo. Le condizioni di viaggio sono spesso insopportabili e non basta aver aumentato il numero di carrozze, perché la soppressione di parecchi collegamenti costringe gli utenti a lunghe e snervanti attese in stazione”. 
“Per questo – conclude Damascelli – chiedo che la Regione ripristini immediatamente le corse cancellate e restituendo un servizio decoroso alla collettività”.