Sottopasso di via Santo Spirito. Abbaticchio: "I lavori inizieranno a marzo 2022"

Nell'ultimo consiglio comunale, il sindaco ha reso noti i tempi dei cantieri per la fogna bianca e per l'infrastruttura tanto attesa

Stampa l'articolo

I lavori per la realizzazione della fogna bianca, sulla via per Santo Spirito, stanno procedendo e dovrebbero concludersi per la fine del 2021, dando modo, a marzo 2022, di dare l’avvio al cantiere per la realizzazione del sottopasso veicolare e pedonale che permetterà di eliminare il passaggio a livello. Cantiere che dovrebbe concludersi nel 2023.

A dare il cronoprogramma dei lavori per l’attesa infrastruttura è stato il sindaco Michele Abbaticchio, nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale, durante la discussione sull’ordine del giorno relativo all’approvazione di una variante al Piano Regolatore Generale. Una variazione che, come ha spiegato il sindaco, serve ad acquisire una parte della via per l’antica marina di Bitonto, sottraendola alla gestione provinciale per fare in modo che si possa realizzare una rotonda che possa disciplinare meglio il traffico in prossimità del sottopasso.

«Siamo perfettamente in linea temporale con il cronoprogramma della Ferrotramviaria per il cantiere successivo» sottolinea il sindaco, rispondendo alle domande del consigliere Michelangelo Rucci, su quanto ancora bisognerà aspettare per vedere completata un’opera che consentirà di archiviare i disagi generati dalla presenza del passaggio a livello.

«La durata della realizzazione del sottopasso dipenderà dai tempi degli appalti della Ferrotramviaria» risponde il primo cittadino, dicendosi fiducioso sui tempi suddetti: «Nella progettazione sono ad ottimo punto. È quasi definitiva. Contano di iniziare a lavorare a marzo 2022 e di finire nel giro di un anno, anche se è ovvio che potranno sorgere imprevisti. Per il momento non ci sono problematiche particolari. L’unico ostacolo era l’assenza di fogna bianca».

Una fiducia nei tempi che non mostra la consigliera del Partito Democratico Antonella Vaccaro, che giudica troppo inverosimile la data di marzo 2022.

Anche l’opposizione si dice favorevole alla variante, a partire da Franco Natilla (Bitonto Riformista) e rimprovera come il tutto avvenga a pochi mesi dalla chiusura del secondo mandato di Abbaticchio: «Sarebbe dovuta arrivare in consiglio molto tempo prima. La situazione è sempre più insostenibile. Ci saremmo aspettati maggiore impegno dall’amministrazione comunale».

Da Carmela Rossiello (Forza Italia), invece, la proposta di installare, nell’attesa che il sottopasso sia pronto, una cartellonistica che indichi se il passaggio a livello sia chiuso o aperto, come avviene per quello sulla via vecchia per Molfetta: «Basterebbe fare questo per deviare il traffico ed evitare che si creino code».

La variante è, quindi, stata approvata all’unanimità.