Sottopasso via Santo Spirito, Damascelli: "Progetto pronto. Ora massima collaborazione per realizzarlo"

Cofinanziato con fondi regionali e della Città Metropolitana, sarà realizzato sul prolungamento di via Piepoli

Stampa l'articolo
"Il progetto del sottopasso che consentirà di eliminare il passaggio a livello delle Ferrovie del Nord Barese a Bitonto, su via Santo Spirito, è ormai pronto per essere approvato. Un grosso vulnus per la città, che strozza il traffico fino a bloccarlo in diversi momenti della giornata in concomitanza con il passaggio dei treni, potrà essere rimosso. Ma i tempi non sono immediati”. Così Domenico Damascelli, consigliere regionale di Forza Italia. “Ho incontrato a Bari -spiega- i dirigenti tecnici delle Ferrovie del Nord Barese, per fare il punto sul progetto. Ho anche visionato le mappe dell’opera, verificando gli aspetti tecnici ed il crono programma. Dopo l’approvazione del progetto definitivo, si potrà procedere al bando di gara per l’aggiudicazione dei lavori, che richiederà alcuni mesi prima dell’apertura del cantiere”. “Poter immaginare la realizzazione di quest’opera, per la quale mi sono battuto per anni con atti istituzionali e pubblici, sollecitando tavoli e finanziamenti, poiché la ritenevo l’unica alternativa possibile al passaggio a livello su via Santo Spirito, è per me motivo di grande soddisfazione, perché finalmente sarà risolto un grave problema che non è solo di viabilità ma anche di qualità della vita, per i bitontini e per tutti coloro che passano da Bitonto”, aggiunge il consigliere Fi. “Il sottopasso, cofinanziato con fondi regionali e della Città Metropolitana, sarà realizzato sul prolungamento di via Piepoli. Il prossimo step – prosegue – è l’approvazione del progetto in consiglio comunale. Mi auguro ci sia la massima condivisione, in modo da consentire l’avvio della gara d’appalto“. “Continuerò a seguire l’iter in Regione, interfacciandomi con l’Assessorato ai Trasporti e alle opere pubbliche – conclude Damascelli – affinché, con la collaborazione di tutti i livelli istituzionali, si possa ottenere un risultato che porterà benefici all’intera collettività”.