Bitonto Get Out 2018. Evacuato l’IISS “Volta-De Gemmis” per un’esercitazione con la Protezione Civile | Foto

Si è concluso positivamente per i ragazzi della classe 5a AIA (Informatica) il progetto di alternanza scuola-lavoro con una simulazione di una maxi emergenza a seguito di tumulti di massa

Stampa l'articolo

 

Erano le dieci e mezza del mattino, lo scorso sabato, quando la campanella dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore (IISS) “Volta-De Gemmis” di Bitonto è suonata per ben tre volte e poi in maniera prolungata.

 

Son seguiti l’evacuazione dell’Istituto da parte degli studenti e l’arrivo delle strutture operative previste dal Piano comunale di Protezione civile, nonché il personale dell’area vigilanza del corpo di Polizia locale, delle Misericordie, della Pubblica Assistenza Bitonto, della Croce Rossa Italiana, della Croce Sanitaria Italiana, dell’NPC Puglia, della sezione locale dell’ANFI, delle unità cinofile e delle altre organizzazioni di volontariato territoriali come della SASS Puglia.

 

Per un buon svolgimento dell’esercitazione, c’è stato il blocco della viabilità dell’area interessata di via Ludovico d’Angiò e Matteotti ed è stata coinvolta l’intera scuola, tra alunni, docenti e personale Ata.

 

Si è concluso, così, il progetto di alternanza scuola-lavoro in materia di protezione civile dei ragazzi della classe 5a AIA (Informatica) che hanno simulato una maxi emergenza a seguito di tumulti di massa dietro coordinazione del dott. Giovanni de Trizio, tutor esterno per ANCI Puglia, dal prof. Gennaro Altamura, referente scolastico per l’Asl, e dalla prof.ssa Anna Maria Ferorelli, tutor Asl della classe.

 

Il progetto, promosso dall’ANCI Puglia e coordinato dal dirigente scolastico, dott.ssa Giovanna Palmulli, ha impegnato i ragazzi per due anni nella conoscenza delle situazioni di pericolo per poter eventualmente suggerire una revisione e riqualificazione del piano di emergenza comunale.

 

Infatti, nei pressi della stazione centrale delle Ferrovie del Nord Barese di Bitonto è stato montato un capannone sotto il quale i ragazzi sono stati portati in barella e non, con varie tipologie di ferite che si possono contrarre in una situazione di emergenza e riscontrare quali possano essere gli interventi di soccorso.

 

Il bilancio di quest’esperienza altamente formativa e figlia di un’importante sinergia tra scuola ed ente locale è positivo.

 

La galleria