Domani sera torna in edicola il mensile "da Bitonto", con il suo numero di giugno

Numerosi gli approfondimenti, nuove rubriche e tante novità per un giornale in continuo aggiornamento

Stampa l'articolo

Torna, puntuale come ogni mese, l'appuntamento con il “da BITONTO”.

Tra qualche ora, infatti, sarà possibile trovare nelle edicole il n° 268 di Giugno del mensile più longevo della città. E, come sempre, non mancano le chicche, gli spunti di riflessioni e le novità per un periodico sempre più in costante aggiornamento.

La prima nota di colore è quella“rosa”, ma non solo, del Giro d'Italia femminile, con una prima pagina completamente dedicata (o quasi) al passaggio della corsa ciclistica il 30 giugno scorso.

La seconda nota di merito sono le rubriche, ormai diventate inamovibili e in costante aumento. Non manca, allora, il punto sulla situazione della criminalità in città, dopo gli ultimi fatti di cronaca, con le parole del commissario di pubblica sicurezza Francesco Triggiani.

C'è anche il punto sulla politica, con la prima candelina dell'amministrazione Abbaticchio, la lotta ai beni confiscati alla criminalità, le ultime novità dal Consiglio comunale.

Ricchissima anche la sezione “Territorio”: la nuova Legambiente, il programma del Beat Onto Jazz Festival, il ballo e la magia culinaria.

Nella sezione "Cultura" ancora rubriche su aspetti magici e nascosti della nostra cittadina. Ampio spazio in questa sezione alla riflessione  dell'ex sindaco Nicola Pice sui 400 anni dalla nascita del pittore Carlo Rosa e sul Parco delle Arti da poco inaugurato.

Nuove sezioni. La pagina scientifica sulla “sindrome metabolica” del dott. Antonio Moschetta, la “voce” dalle frazioni, la pagina “da fuori Bitonto”, tutta dedicata ai bitontini che vivono fuori dalla città dell'olivo. Da segnalare anche la rubrica storica di Michele Muschitiello sui simboli della nostra città.

Oltre al già citato Giro d'Italia femminile, ricchissima la pagina sportiva con, tra gli altri, il basket, il tennis e le sorti dell'U.S. Bitonto.

Insomma, anche questa volta ce n’è davvero per tutti i gusti.