L'ASP MAria Cristina balla al tempo dell'Art Studio Dance Emotion

Venerdì scorso la struttura ha ospitato il tredicesimo saggio della scuola di Lucia Saponieri

Stampa l'articolo
Nessuna festa più del Natale può essere considerata il simbolo della famiglia e della bontà. Tutto è stato confermato anche il 18 dicembre quando si è assistito ad un connubio tra il centro diurno per minori ASP Maria Cristina di Savoia e l’Art Studio Dance Emotion. Venerdì scorso, infatti, la scuola di danza di Lucia Saponieri ha realizzato il suo tredicesimo saggio proprio nell’Istituto.Grazie alle esibizioni sulle più belle canzoni natalizie e alla straordinaria partecipazione di Giorgio Jackson, imitatore della famosa popstar americana, lo spettacolo di beneficenza è riuscito a regalare gioia e spensieratezza. “Dono” certamente gradito anche dallo staff dell’ASP che sta affrontando un periodo molto difficile. A ricordarlo è stato il sindaco Michele Abbaticchio, intervenuto prima dello spettacolo.“Voglio ringraziare tutto il personale dell’Asp Maria Cristina di Savoia che sta affrontando al meglio questo periodo difficile per tutto il terzo settore ed è in grado di rapportarsi con amore a questi bambini – ha dichiarato il primo cittadino -. Un applauso va anche a don Ciccio Acquafredda che è sempre vicino a chi ha bisogno, e al presidente dell’ente Vito Masciale a cui va il merito di essere riuscito a risollevare la struttura e a trasferire entusiasmo anche all’amministrazione”. “Quello che abbiamo realizzato è un connubio tra ente e Comune – ha affermato Vito Masciale -. L’amore per questa struttura è riflesso negli occhi dell’assistente sociale Marianna Lisi e Angela Suriano che hanno messo la professionalità e il cuore al servizio dell’Asp. Un ringraziamento va a tutte le educatrici e a Pasquale Castellano che si è impegnato tanto per la struttura”.  L’augurio, come affermato dall’assessore al Welfare, Franco Scauro è che “l’Istituto possa tornare ai vecchi splendori”.  Un desiderio natalizio che va ad aggiungersi a quello espresso dal parroco della Cattedrale, don Ciccio Acquafredda: “La vera famiglia è quella che si interessa dei propri figli, accompagnandoli nel corso della vita e nella loro crescita. Il mio augurio è che le famiglie siano veramente unite”.