"Natale in Galleria" e i bimbi si riscoprono pittori di bellezza

Un'ottima occasione per avvicinare i bambini all’arte e alla religione e, al contempo, un buon allenamento per poter stimolare la loro fantasia

Stampa l'articolo
Il carattere e l’anima di un persona si formano nel momento in cui ha inizio la sua vita e pian piano, con il tempo, in base alle situazioni e agli avvenimenti che la vita ci pone davanti, acquisiscono nuove sfumature e tonalità. Ognuno di noi è un artista e la vita è la nostra tela, fin da subito dobbiamo imparare a intingerla con le nostre emozioni e i nostri pensieri, questo è sicuramente il concetto che i responsabili della Galleria Nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna” hanno voluto trasmettere creando un progetto formativo “Natele in galleria”, che ha visto come protagonisti diversi bambini a scelta, provenienti da tutti gli istituti elementari della zona, con l’intento di avvicinarli all’arte e alla religione. Il progetto, che ha come referente il maestro Carmelo Bacco, ha avuto inizio con la visione di sei tele associate al periodo dell’avvento e alla natività: L’Annunciazione di Vincenzo Pagani, L’ Annunciazione dei pastori di Marco Pino, La Natività di Pietro Negroni, la Strage degli innocenti di Giovanni Battista Beinaschi, la Fuga in Egitto di Tommaso Maria Conca e la Presentazione al Tempo di Francesco Antonio Altobello, noto artista bitontino.  Subito dopo i bambini  hanno avuto la possibilità di ascoltare un lieto racconto musicale natalizio “la piccola casetta”, promosso dall’ Associazione culturale “Cenacolo dei Poeti” e curato da Nunzia Mercurio, Anna Fiorello e Antonella Stellacci. Alla fine della mattinata i piccoli partecipanti hanno trasferito su un foglio bianco una riproduzione del quadro che ha colpito loro di più. Lunedi 22 dicembre alle ore 18:00 tutti i disegni raccolti saranno esposti nella galleria e i responsabili sceglieranno il disegno più espressivo, il vincitore sarà poi premiato con un piccolo dono in ricordo dell’esperienza vissuta. Grazie alla predisposizione dei partecipanti e alla buona riuscita del progetto, gli organizzatori hanno deciso di ripetere l’esperienza in altre occasioni dell’anno, con il pronostico di coinvolgere anche gli altri istituiti delle cittadine appartenenti al comune di Bitonto.