Progetto “School Cup”. I ragazzi si mettono a nudo con “Il Paradiso Perduto”

La particolarità dello spettacolo è stata la sobrietà della scenografia e dei costumi che ha messo in luce la purezza e la trasparenza con cui i ragazzi hanno recitato

Stampa l'articolo

Fra gioie ed emozioni ha avuto luogo il 5 e il 6 luglio, presso il Teatro Traetta, lo spettacolo “Il Paradiso Perduto”, al termine del progetto, giunto alla XVIII edizione, “School Cup” 2016-2017 “I Giovani, lo Sport, Bitonto Città del Sollievo”.

I ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado, seguiti dalla compagnia teatrale “Fatti D’Arte”, hanno messo a nudo le loro anime e condiviso con il pubblico storie e avventure adolescenziali vissute direttamente e indirettamente.

Il progetto, avviato nel mese di febbraio, è stato fortemente voluto da Giovanni Vacca, direttore della Fondazione Opera Santi Medici, Piero Carbone, Emanuele Abbatantuono e Angelo Molfetta ed è stato assistito da un equipe di esperti psicologi e nutrizionisti, fra cui la dott.ssa Nicoletta De Lorenzo, che ha curato il laboratorio “Cibiamoci” e la dott.ssa Stefania Gianmarino e il dott. Vincenzo Gesualdo, che hanno tenuto lezioni sull’alimentazione e gli stili di vita.

La particolarità dello spettacolo, presentato da Marco Loiodice, è stata la sobrietà della scenografia e dei costumi che ha messo in luce la purezza e la trasparenza con cui i ragazzi hanno recitato.

La rappresentazione teatrale si è conclusa con una standing ovation seguita da un fragoroso battito di mani.

Un ringraziamento particolare va al regista Raffaele Romita, al presidente della compagnia teatrale, Franco Colamorea, a Mariantonia Capriglione, all’equipe di esperti, agli organizzatori del progetto, al presidente della Fondazione, Don Vito Piccinonna, all’Amministrazione comunale, al sindaco Michele Abbaticchio, ai dirigenti scolastici, alla cooperativa “Antrophos”, all’Ordine Regionale degli Psicologi, presieduto da Antonio Di Gioia e alla compagnia teatrale “Fatti D’Arte”.

Al termine dell’esibizione, ai ragazzi e alle associazioni aderenti al progetto è stata consegnata una targa di partecipazione. Inoltre, sono state regalate due borse di studio ad Angela Rapio e Thomas De Pinto, entrambi studenti presso il liceo classico “Carmine Sylos”, che permetteranno loro di frequentare un corso di lingue o informatica.