"Qui si castra bene e a buon mercato". Stasera l'omaggio agli evirati cantori pugliesi Farinelli, Caffarelli e il Moscovita

Dalle 20.30 nel chiostro di San Pietro, in scena il controtenore siciliano Riccardo Angelo Strano

Stampa l'articolo

La sezione speciale del Concorso di canto lirico “Tommaso Traetta” dedicata al grande compositore bitontino è stata vinta, nel 2021, dal controtenore siciliano Riccardo Angelo Strano che, sabato 18 giugno (ore 20.30), è protagonista nel chiostro di San Pietro Nuovo di Bitonto di uno degli appuntamenti più attesi col canto barocco del Traetta Opera Festival diretto da Vito Clemente. Il concerto, significativamente intitolato «Qui si castra bene e a buon mercato», è interamente dedicato alla rievocazione dei castrati pugliesi Farinelli (Carlo Broschi), Caffarelli (Gaetano Majorano) e il Moscovita (Giuseppe Millico). Michele e Gioacchino Visaggi, rispettivamente al clavicembalo e al violino, accompagnano Riccardo Angelo Strano (il cui debutto operistico risale al 2009, a soli ventuno anni, nell’«Agrippina» di Händel) attraverso un repertorio di arie d’opera di Georg Friedrich Handel dal «Serse», Geminiano Giacomelli da «Merope», Christoph Willibald Gluck dall’«Orfeo ed Euridice» e del fratello di Farinelli, Riccardo Broschi, del quale si ascolterà l’«Ombra fedele» dall’«Idaspe».

Tutti i dettagli del programma e le modalità di accesso ai concerti su www.traettafestival.it. Info 080.3742636.