"Ragazzi, amate sempre la conoscenza" è l'invito della poetessa bitontina Maddalena Coviello

È rivolto alle giovani generazioni, certo, ma pure a chi ragazzo più non è

Stampa l'articolo

Un inno d'amore nei confronti della conoscenza, versi che invitano i ragazzi all'ebbrezza della scoperta, parole che cantano il valore eterno dello studio. La lirica è della poetessa Maddalena Coviello, che lancia un messaggio inequivocabile alle giovani generazioni e non solo: abbiate a cuore sempre l'amore per il sapere, che genera una visione del mondo più giusta, più vasta, più rispettosa degli altri.

Il mondo della conoscenza

Studiare per non pensare che la vostra pelle è la più bella.

Studiare per non credere di avere sempre ragione

e che la lingua che parlate è la più comprensibile.

Studiare per non sentirvi di essere superiori a nessuno,

perché prima di voi in molti hanno scoperto quello che voi oggi avete.

Studiare per avere solidi basi e solidi principi e solidi valori da insegnare.

Studiare per far abbondare il vostro pensiero di idee

e far raggiungere i sogni fino alle stelle, per toccare il cielo con un dito.

Studiare per non credere a tutto ciò che è detto

e non essere contro chi vi vogliono

che rispecchia la vostra paura perché ne abbiate

manchino la cortesia, la gentilezza, la solidarietà, l'altruismo, l'amicizia.

Studiare per parlare ancora, salutare e essere leali

a prescindere da come ci sentiamo, da quello che ci accade, se la pensano diversamente.

Studiare per far riposare sereni gli altri sulla nostra lealtà e responsabilità.

Studiare per imparare e trasmettere la resilienza, l'indipendenza,

ad accettare gli altri anche se diversi dal nostro carattere o modo di essere

con le loro imperfezioni e fragilità ma anche per le loro scelte

in virtù del loro e del nostro bene, per mostrare a noi stessi e gli altri

che siamo capaci e essere il loro braccio per realizzare i loro sogni

a formare una comunità e un mondo senza barriere, senza limiti, multiculturale e multietnico.

Studiare aiuta a superare l'ignoranza, dei pregiudizi e dell'incomprensione che parte da sé e si confonde tra gli altri.

Studiare per non credere di seguire una unica idea e una unica decisione e invece dentro voi e fuori esistono paesaggi meravigliosi e innumerevoli strade per scoprire le meraviglie del mondo e della vita.