Sabato e domenica, "Cortili aperti" per riscoprire la storia e valorizzare il nostro territorio

Tra visite guidate e iniziative varie. A cura dell'Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI)

Stampa l'articolo

L’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI), fondata nel 1977, si propone di incentivare la valorizzazione e la gestione delle dimore storiche, contribuendo in tal modo alla tutela del patrimonio culturale, la cui conoscenza e conservazione sono di rilevanza pubblica.

La manifestazione Cortili Aperti si tiene ogni anno nell’ultima domenica di maggio e quest’anno si svolgerà nel Comune di Bitonto per la prima volta.

Soddisfatto per questo si è dimostrato il sindaco, Michele Abbaticchio, che ha elogiato l’iniziativa e la preziosa sponda dell’Associazione e della Regione.

Uno sguardo nello specifico. 

«Sette nuovi insediamenti commerciali, diversificati: un nuovo locale dolciario tipico e uno di gadget in piazza Cattedrale – con un fil di gioia dichiara Michele Abbaticchio -. Il bello di questa attività è che ben si incastra con le festività patronali (sabato 25 e domenica 26 maggio dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 21, ndr), coinvolgendo quindi tradizione, cultura e religione».

Spiega il Presidente Regionale ADSI, Giuseppe Seracca Guerrieri: «Noi siamo un’associazione di proprietari di dimore private, ma di fruizione pubblica. Crediamo sia importante far conoscere il territorio, perché tante volte siamo abituati a vedere tutto senza coglierne i particolari. Conoscendo il nostro territorio e le nostre dimore, li apprezzeremo maggiormente».

L’entusiasmo dei ragazzi coinvolti è stato fondamentale, poiché saranno posizionati dinanzi ai cortili aperti per spiegarne l’origine e le caratteristiche artistico-architettoniche.

Gli alunni delle scuole secondarie saranno guidati dai lori dirigenti: IPSAA/IPSSCST “De Gemmis”dalla prof.ssa Rosaria De Matteis, prof.ssa Fiorella Carbone per l’European Language School, il prof. Emanuele Morea Liceo Scientifico “Galilei”, prof. Arcangelo Fornelli sia per ITC “Giordano” che per l’ITIS “Volta” e la prof.ssa Antonia Speranza per il Liceo Classico-Linguistico “Sylos”.

«I referenti li hanno seguiti e guidati, ma i ragazzi ci hanno messo tutta la loro gioia. La Biblioteca comunale – con immensa felicità ha raccontato la prof.ssa Maria Antonietta Elia, che ha anche coordinato il tutto – era sempre frequentata e con avidità cercavano documenti inediti. La passione arriva dopo la conoscenza e un profondo sentire».

Responsabile anche l’assessore Vito Masciale alla Pubblica Istruzione: «Si continuerà a investire nella cultura come volano dell’Amministrazione», ha dichiarato.

Un plauso è giunto dal Presidente Regionale Seracca Guerrieri, inoltre, per la minuziosa scelta cromatica della cartina realizzata in pochissimo tempo dai ragazzi del Servizio Civile del Torrione angioino.

Dunque, sarà possibile seguire due percorsi.

Uno che seguirà le lettere indicate sulla cartina, e quindi esterno, e uno che seguirà i numeri, interno al nostro centro storico.

Prezioso l’intervento della dott.ssa Stefania Mandurino di Pugliapromozione.

«Sapere che da Lecce, Cortili Aperti sta diventando una realtà Regionale non può non vedermi soddisfatta. Questo progetto sposa fortemente il modello sul quale stiamo lavorando: gestire le nostre risorse e il saper fare della gente. Il privato diventa bene collettivo. L’impegno è immenso e il format negli anni cresce sempre più. In un momento di crisi, poi, raggiungere le città d’arte per uno short-break è più facile soprattutto per il turismo estero che in Puglia è in costante crescita».

I cortili, la città, i ragazzi, la musica (che sarà guidata dal Maestro Vito Vittorio Desantis,ndr) diventeranno piccoli scrigni, capaci di raccontare tutto il bello della nostra città.

Piero Consiglio, consigliere regionale delegato dell’Associazione a Bitonto, con fervore ha notato: «Il sindaco si è interessato e adoperato per un indirizzo che da anni in Italia va avanti, quello della cultura, che noi del meridione spesso abbiamo lasciato correre. Bisogna salvaguardare le dimore storiche nonostante gli alti costi di manutenzione e gestione».

Infine, qualche dettaglio tecnico.

Bitonto sarà pedonalizzata parzialmente, nei pressi delle piazze coinvolte nella manifestazione: Largo Gramsci, Largo Teatro, piazza Cavour e piazza Cattedrale.

Domenica, inoltre, ci saranno due bus navetta, messi a disposizione dall’A.S.V. e Miccolis, che in maniera del tutto gratuita, effettueranno due linee di percorrenza ogni 25 minuti: la prima, la linea A, partirà da via Lazzati (per chi arriva dall’Autostrada o dalla Strada statale 16 bis) la seconda, la linea B, che ricoprirà il tratto dalla Piscina Comunale (per chi giunge dalla Strada Provinciale 231), entrambe verso piazza Cavour.

Ci saranno tre info point con dei gazebo in piazza Sylos, presso l’Istituto “Maria Cristina di Savoia” e nei locali del Torrione Angioino.