Stasera, alle 20, intitolazione della biblioteca di san Leone Magno a Felice Moretti

L'evento si inserisce nella promozione delle piccole biblioteche presenti sul territorio. Il professore è scomparso due anni fa

Stampa l'articolo
Questa sera alle 20 avrà luogo al convento di San Leone Magno a Bitonto, la "Intitolazione della biblioteca al prof. Felice Moretti"
 
Saluti:
 
 frate Pietro Carfagna, padre della Comunità Francescana bitontina,
 
 Stefano Milillo presidente Centro Ricerche di Storia e Arte - Bitonto;
 
 
Relatore
 
 Nicola Pice presidente Fondazione Ungaro - Depalo;
 
 
interventi:
 
 Antonio Saracino - edizioni Raffaello;
 
Marino Pagano direttore responsabile "Studi Bitontini";
 
Silvio Custode Fioriello direttore editoriale "Studi Bitontini".
 
 
L'iniziativa inaugura la serie " piccole biblioteche nascoste", appuntamenti  a cadenza mensile volti a promuovere le molte piccole biblioteche presenti  nel territorio bitontino.
 
Obiettivo delle iniziative è la rivitalizzazione delle biblioteche, ma anche la catalogazione dei volumi presenti e il tentativo di mettere in rete le piccole biblioteche tra loro e con le grandi biblioteche presenti sul territorio. Pertanto ad ogni incontro si cercherà di coinvolgere i responsabili di biblioteche pubbliche e private e gli "addetti ai lavori" come anche gli studenti interessati da progetti di catalogazione e informatizzazione, per maturare una riflessione sulla fruibilità.
 
L'intitolazione della biblioteca della badia di san Leone Magno, voluta da frate Pietro Carfagna, inaugura degnamente il ciclo. Felice Moretti indimenticato ricercatore e studioso con particolare riguardo al Medioevo e al francescanesimo, direttore e membro del comitato scientifico della rivista Studi Bitontini edita dal Centro ricerche di storia e arte - Bitonto, curatore della biblioteca del convento san Leone Magno successivamente arricchita da fondi provenienti da Valenzano grazie all'opera certosina di frate Pietro Carfagna. 
 
 
Chiunque volesse segnalare una piccola biblioteca o un fondo o un archivio, o volesse collaborare alle iniziative può contattare Nicola Abbondanza 393 53 89 310 o inviare una mail acenacolo.dei.poeti@gmail.com